Category: Traduzioni

Senza capire più niente…

Beso

[Elvana:]
S’mundem të shoh, s’mundem të prek unë jo
Uooh, vetëm një moment mjafton dhe mekem
Një letër nga ty lexoj,
o-o-oh mes lotësh bëhem e fortë.
(A-Ha) Shumë po du me t’pa,
nuk e di se sa sa kjo do vazhdojë.
(A-Ha) Shumë po du me t’pa
nuk e di se sa sa…
Duro shpirti im, e ke dashurinë
Gjeje pak besim mbi të gjitha ti.

[2Po2:]
Yeah… Thuj Mirdita Djalit t’keq edhe një herë,
once again… I’m a hustler, I’m a hustler baby
Nuk e kam hiç t’lehtë,
po m’dridhet dora me ja nis me shkru kët letër
Sigurisht që planet mbetën stand by për naj here tjetër.
Nuk e di pse ndjenjat për ty rriten n’kto 10m²
Jam ka du me t’pa,
jam ka du me t’prek,
Jam ka du me t’pas n’dorë
Se o ka m’mungon zoni yt,
aroma dhe flokët e gjata.
Garant as ti nuk e ke t’lehte,
pa mu netët i ki t’gjata
Po menoj ja vlen me vujt,
po menoj ja vlen me prit
Po menoj që sfidat për me kon
bashkë na dy kryhen një ditë.

[Elvana:]
(A-Ha) Shumë po du me t’pa,
nuk e di se sa sa kjo do vazhdojë.
(A-Ha) Shumë po du me t’pa
nuk e di se sa sa…
Duro shpirti im, e ke dashurinë
Gjeje pak besim mbi të gjitha ti.

[2Po2:]
Une e di se pret prej meje me t’kërku falje sot
Problemet e mia n’jetën tonë kanë pru dhimbje e lot
A e din pse e maj kryt nalt
kur e di se ty t’kam krah t’forte
Ti e din ça pres unë prej teje
vazhdo e qëndro e fortë
Cuz’ I’ve been hustlin’,
hustlin’ mas lekve si i trent
Jam ka du me t’pa,
nuk e di se sa duhet me prit at moment
Po menoj ia vlen me vujt
Po menoj ja vlen me prit
Po menoj që sfidat për me kon
bashkë na t’dy kryhen një ditë

[Elvana:]
Duro shpirti im, e ke dashurinë
Gjeje pak besim mbi të gjitha ti.
Duro shpirti im,
beso nuk kam asnjë tjetër
që e do, që e du më shumë se ty…

Credi

Elvana:
Non ti posso vedere, non ti posso più toccare
Ooooh, basta un momento per stare da soli
Leggo una tua lettera
Ooooh attraverso le lacrime diventerò forte
(Hoho), vorrei così tanto vederti
Non so quanto ancora durerà
(Hoho) vorrei così tanto vederti
Non so quanto ancora…
Fermati attraverso il mio cuore, hai l’amore
Trovo solo un po’ di speranza solo in te!

2po2:
Yeah… dì alla gente cattiva ancora una volta Hello,
Once again… sono un casinista, sono un casinista baby
Non ho niente,
la mia mano trema a cominciare a scrivere questa lettera
I progetti stanno in stand-by ancora una volta
Non capisco i sentimenti in questi 10 metri quadrati
Ti voglio vedere
Ti voglio toccare
Averti in mano.
Perché mi manca la voce
Il tuo profumo e i tuoi capelli lunghi.
Va bene, anche te non hai niente
Senza di me le tue notti sono lunghe.
Credo che valga la pena soffrire.
Credo che valga la pena aspettare.
Credo che le sfide ora che siamo assieme
Un giorno si fermeranno.

Elvana:
(Hoho), vorrei così tanto vederti
Non so quanto ancora durerà
(Hoho) vorrei così tanto vederti
Non so quanto ancora…
Fermati attraverso il mio cuore, hai l’amore
Trovo solo un po’ di speranza solo in te!

2Po2:
So che oggi ti aspetti che io mi scusi
I miei problemi hanno portato nella tua vita dolore e lacrime.
Sai perché tengo la testa alta?
Perché so che tu sei il mio lato più forte.
Lo sai cosa io mi aspetto da te
Fare ancore e rimanere forti.
Perché ho fatto casino
Fatto casino con i soldi, come un pazzo.
Ti voglio vedere
Non so quanto ancora dovrò aspettare per questo momento.
Credo che valga la pena soffrire.
Credo che valga la pena aspettare.
Credo che le sfide ora che siamo assieme
Un giorno si fermeranno.

Elvana:
Fermati attraverso il mio cuore, hai l’amore
Trovo solo un po’ di speranza in te solo!
Fermati attraverso il mio cuore,
Credimi, non ho nessun altro
che io ami quanto te…

Non si capisce più niente, saltano tutte le categorie del pensiero, saltano i conti, saltano le ragazze, non so più chi amo e chi sto amando, da chi vorrei essere amato, e nelle canzoni ritrovo quell’amore perduto che non so più dove trovare, mi sembra di vedere ancora Manuela, lì a camminare, a passarmi davanti, senza dire niente, lei che si sfiora i capelli, io e le mie parole con lei, non so cosa mi sta succedendo, non lo so, mi devo vedere con una, ma non mi passa, e non so più se stavo desiderando lei o Leida, o, dato che non potevo avere lei, Manuela, mi ero dato a Leida come in un sogno erotico, e se, ancora per Manuela, ho deciso di vedermi con Marina, come ragazza di riserva, per svelare quel mistero russo, di quella lingua, che ora non sa di niente, mentre decine di canzoni albanesi di Elvana Gjata scorrevano stamattina in me, e non è neanche la lingua albanese, quella che parla Leida, con tutta la sua forza, il suo odio, il suo essere puttana, non è neanche un desiderio erotico, come quello di stanotte, una perversione, non si sa, le ragazze non guardano quei video, mi dicevano, i cinesi, non li guardare, come tanti altri, che cosa contano? Non contano niente? Impossibile razionalizzare qui, vedo solo Manuela, e sento solo Manuela, nel canto, incomprensibile, nei vocalizzi, quasi nelle lacrime, che non mi importa più niente, di rivedere Marina, a che pro? Di rivedere Leida, ora che tutte le fantasie sono state soddisfatte, non so più davvero cosa vedere in Manuela, non lo so neanch’io, cosa aspettarmi da lei, niente, forse, niente, eppure quella sensazione di ieri sera non la posso dimenticare, quando tornavo lì dal supermercato, mi sono innamorato, mi sono innamorato, dicevo, e non ce n’è che tengano, né Leida e la sua energia, né Marina e il suo essere ragazza russa come tante, qui a cercare lavoro, a cercare marito, né reggono le fantasie erotiche con Liana, né tutte le lingue e tutti gli studi, e butto via questa mattinata nella musica, per sentire i sentimenti, altro che vietare la musica, vietare il canto, e mi inebrio ancora di arte, di spettacolo, di parole, che mi chiedo cosa c’entro io questo pomeriggio a smontare macchinari, cosa ci faccio là, forse solo per guadagnare dei soldi che poi non spenderò, né con Leida, né con Marina, perché tutta la passione viene solo da Manuela, e si disperde nella musica, che mi sembra di aver già provato tutto questo, non so quanto tempo fa, non so per chi, per che cosa, e il caos finisce qui, si disperde nella musica, nel canto, e non c’è da star qui a chiedersi troppo, a domandarsi, tutte le emozioni le sento per Manuela, e le altre erano solo un diversivo, che mi viene quasi voglia di smettere di fumare “Ho smesso di fumare! Ieri! Adesso solo caffè!”, che non so se scherzava, non lo so, con le guardie, non lo so, non si capisce più niente, eppure tutta l’emozione è solo con lei, in quei brevi istanti, e non so più neanch’io cosa c’entravano i sogni di questa notte, di essere immersi dentro una stanza matrimoniale come se fosse una piscina, una casa allagata, in Sicilia, la stanza dei genitori di non so chi, forse di Alice, e cercare la cassaforte, come un ladro, per rubare soldi, e trovarsi come arrestato dalla polizia, per poi ritrovarmi di fianco a mia cugina Morena, a parlare, io a provarci con lei, io che cercavo di darle un bacio, sulla bocca, un bacio di passione, lei e i suoi capelli castani, noi e il nostro essere cugini di secondo o terzo grado, la passione e l’erotismo e quasi l’incesto, un altro sogno erotico, d’amore, in una città che sembrava uscita da un film romantico, dai colori blu della notte e bronzo delle strade illuminate da lampioni, lei vestita come una grande damigella, un sogno ottocentesco, un bacio passionale senza fine, che non mi veniva concesso, in nome della parentela… e ancora una volta sogno lei, Morena, come altre volte la sognavo in una specie di tavolata senza fine, in un ristorante che si dava delle arie, ad un matrimonio non so di chi, io che la cercavo, che la sentivo mia, e mi perdevo poi negli altri tavoli, dopo il lungo pranzo in compagnia di decine di invitati da tutto il mondo, al matrimonio forse di sua sorella, Sara, persone su persone e ancora lei, Morena, come quando la rivedevo quel giorno del funerale, quando languivo per Xhuliana, quel 2013 colmo di emozioni profonde, che ora mi ritorna tutto, il viaggio in Albania, il funerale e quella notte del funerale quando andavo da Xhuliana, per fare l’amore, con tutta la passione del mondo, e mi ritorna tutto ora, tutto si mescola, che non si capisce più niente, cosa io provo, cosa sento, chi voglio e cosa voglio, non si capisce più, neanche dio e le preghiere, neanche i sentimenti e le canzoni, e nella musica solo trovo il conforto e l’immaginazione, e i giusti sentimenti che si mettono a posto e capiscono che tutto questo caso è in fondo dovuto a Manuela, non so perché, non si capisce, e mi sento bene pur non capendo più niente, e mi inebrierei ancora di musica e canto, fregandomene di tutto, dei lavori, delle nottate, delle uscite, degli studi, che non si capisce più a quale lingua io stia facendo la corte, a quale ragazza, cosa succede in me, e la mia anima sprofonda e il mio cuore si ferma, e non posso che credere nell’amore delle ragazze, altro che l’amore di dio di cui mi parlava Eugenia, no, ancora una volta, solo le ragazze sono davvero la risposta, tutto l’amore, tutta la passione che si disperde nella musica e nel canto, e non c’è spiegazione, conclusione, risposta, e in questo non capir niente mi sento bene, anche se sprofondo sempre di più, e non mi interessa più niente, e mi inebrierei ancora di musica e canto, ricordando Manuela, sognando forse ancora mia cugina Morena, senza capire più niente…

Advertisements

La nebbia dell’amore…

Quando andavo lontano verso di te venivo
Quando venivo vicino andavo via
Ma un demone mi spaventa della lontananza
E la della vicinanza facevo una scintilla

Neanche capivo come ti amavo
Una nebbia come una follia
Come un poeta che scriveva versi
E accende un fiammifero e diventa fuoco

E forse questo era amore
Distorto a casaccio…….
Ma un demone mi spaventa della lontananza
E della vicinanza altrettanto

 

Mjegulli I Dashurise

kur ikja larg drejt teje vija
kur vija afer ikja larg
per dreq me trembte largesia
dhe afersija behej cark

as e kuptoja si te desha
nje mjegull pus nje cmenduri
si nje poet qe shkruan vjersha
dhe ndez nje shkrepse dhe i ben hi

dhe ndoshta kjo ish dashuria
e cakerdisur kuturu………..
per dreq me trembte largesia
dhe afersa gjithashtu

Dritero Agolli