Ispirazioni, Pensieri liberi, Prosa Poetica, Traduzioni, Visioni

E lasciare alla musica e alle lingue far sfumare via i pensieri…

Haram

Veten time me nga ty se ndaj, nen lekure akoma t’maj
A thu kam faj?
Yeah

Kur dike e don me shpirt me gjak, pafund eshte shume pak, hajt se shihemi prap…
Atje ku ti me le, se dikur me doje sot as nuk me pyet si je.
Ke harruar sa u prekem, sa u deshem
A e din se? Si nje anije e humbur ne det sot pa ty jam, se nuk te kam…

Ref
Dashnia haram, haram
Dashnia haram, haram
Zemra e don, dhe kur gabon…

Syte e mij me nuk shohin qart, se lotet m’i ke lan.
A kshu m’ke dasht?
Yeah

Kur dike e don me shpirt me gjak, pafund eshte shume pak, hajt se shihemi prap…
Atje ku ti me le, se dikur me doje sot as nuk me pyet si je.
Ke harruar sa u prekem, sa u deshem
A e din se? Si nje anije e humbur ne det sot pa ty jam, se nuk te kam…

Dashnia haram, haram
Dashnia haram, haram
Zemra e don dhe kur gabon…

Proibito

Non riesco a separarmi da te, sotto la mia pelle ancora ti sento, e dici che è colpa mia? Sì…

Quando qualcuno ti ama con tutto il suo cuore e il suo sangue l’eternità è troppo poco, vediamoci ancora…
Dove mi hai lasciato, dove mi amavi oggi non mi chiedi neanche come sto.
Ti sei dimenticata come ci toccavamo, quanto ci amavamo. Lo sai? Oggi sono come una barca persa nel mare senza di te, perché non ti ho…

Rit.
Amore proibito proibito
Amore proibito proibito
Il mio cuore vuole, anche se è sbagliato…

I miei occhi non riescono più a vedere chiaro, perché le lacrime me lo impediscono, è così che mi hai amata? Sì…

Quando qualcuno ti ama con tutto il suo cuore e il suo sangue l’eternità è troppo poco, vediamoci ancora…
Dove mi hai lasciato, dove mi amavi oggi non mi chiedi neanche come sto.
Ti sei dimenticata come ci toccavamo, quanto ci amavamo. Lo sai? Oggi sono come una barca persa nel mare senza di te, perché non ti ho…

Rit.
Amore proibito proibito
Amore proibito proibito
Il mio cuore vuole, anche se è sbagliato…

 

Amore proibito, proibito, all’ascoltare questa canzone tutta la malinconia, il senso di perdita, e mi sento come una barca perduta nel mare senza di lei, senza Leida, nonostante tutto, che ora mi accorgo, mi accorgo finalmente di quanto mi ero legato a lei, nonostante tutto, nonostante una fosse una donna tutta inganni, che mi legava a sé, mi stregava, mi portava via… questa canzone che ascolto in giro, passeggiando, ora di qua e ora di là, con le tipe che mi guardano al sentire la musica uscire dal cellulare, un sogno d’amore ora che l’amore è perduto, che ogni volta mi vengono in mente le sue parole, non essere così chiuso in te, perché sei sempre così pensieroso? Sii più libero… che sono stufo di pensare e di scervellarmi, sono stufo anche di stare insieme a gente ottusa, solo per avere qualche soldo che ora non so più neanche come spendere, un lavoro che non va, il lavoro che lei diceva voleva cambiare, entro dicembre, e infatti lei ora là non c’è più… l’amore che non è solo sesso, e ora me ne rendo conto, sarebbe stato bello condividere con lei momenti, parole, se solo fosse stata la ragazza giusta, se solo lei non mi avesse portato via con la sua arte magica, da incantare chiunque, con le sue parole, con la sua seduzione… e ora rimango così, spogliato di tutto, anche dei sogni di altre ragazze, e non ne cercherò più per un po’, tutto quel delirio erotico di una volta, solo perché Leida non mi bastava mai, ci sarebbero volute ore e giorni e minuti, per sentirla mia, ma ora che non c’è più rimane questa malinconia delle canzoni, e un senso di liberazione dalle trame erotiche che mi stavano facendo impazzire… è finita forse l’epoca della mostruosità, e me ne accorgevo passando davanti a Manuela, quando apparivano tutte le ragazze dell’ultimo periodo, troppe, davvero, Leida, Marina, Ana, Isabela, Aleksia, la ragazza romena senza nome, che in quel delirio erotico non mi soddisfacevo mai abbastanza, ingordigia erotica senza fine, fino a trovare la sete acquietata, e la chiarezza dei pensieri e della visione, non più accecata dall’erotismo di Leida… mi rimane di lei la sua lingua, quella lingua che sto imparando non so neanch’io come, la malinconia e la tristezza, e la voglia forse ancora di buttarsi sempre di più nelle lettere, e farla finita con gente dalla visione corta e ottusa, sul lavoro, tra le amicizie, un po’ ovunque, e quasi dedicarmi a tempo pieno alla scrittura, a fare chiarezza in me, a sfogarmi e cercare quella via che porta ad essere me stesso, tra libri e lingue e studi, che nessuno centro culturale né nessuna associazione di volontariato potrà mai far emergere… smettono anche di scorrere i pensieri di liberazione con Maria Teresa a cercare una via per liberarmi di me e di questo lavoro, per essere me stesso, la liberazione se avverrà avverrà solo in me, da me, senza bisogno di nessuno, quando io imparerò ad essere me stesso, ad accettarmi, ad accettare la fine di questa storia e forse di questo periodo, senza più alienarmi in dottrine e filosofie e ideologie altrui, quando non sarò più alienato dai mondi che leggo… vorrei davvero solo liberarmi, liberarmi e trovare me stesso, non essere più soffocato dal mondo, dal lavoro, dagli studi, da me stesso, dagli incontri con educatrici e dottori, liberarmi per due mesi e anche di più, in quel periodo che mi porterà al mio compleanno, dopo tre anni, senza di lei, senza Leida, due compleanni fa c’era lei, anche tre compleanni fa, il compleanno scorso c’era il sogno per Marina, che è stata una delusione, e dopo tre anni Leida non c’è e forse non ci sarà nessuna al mio trentatreesimo compleanno, forse ci saranno solo gli auguri sparsi di qualche amicizia virtuale, qualche augurio tra la gente che mi sta vicino, quella poca attorno a me e che si ricorda di me, ma sarà forse un compleanno spento, senza visioni religiose, senza fluttuazioni di senso, con la sola coscienza che Leida ora non c’è più… e non c’è più e per un po’ non ci sarà più nessuna come lei, forse solo casualmente, così chissà come, non mi importa più, attendo solo che il tempo faccia chiarezza, che tutti i nodi si risolvano, si dimentichino, si disfino, e andrà avanti tutto da sé, dopo quasi un anno di decompressione e compressione, sviamenti e deliri, che non mi fido neanche più delle parole che passano dentro di me, di quella della mia coscienza, non mi fido più delle parole e lascio a volte solo la musica e il canto coprire i pensieri, come una musicoterapia… e non mi fido neanche più a continuare questo post, queste pagine, lascio andare via i pensieri, non me ne curo più, solo il tempo mi guarirà, solo il tempo e la dimenticanza, e tutto andrà sempre meglio, di giorno in giorno, perdendo vizi e abitudini, pensieri automatici, stranezze, vivrò forse una vita normale, senza pensarci troppo, senza andare a cercare pensieri trascendentali, sulla storia, sul mondo, sul destino, è giunta l’ora di semplificare le cose, non scervellarsi più, e lasciare alla musica e alle lingue far sfumare via i pensieri…

Advertisements
Ispirazioni, Prosa Poetica, Ricordi, Sogni, Traduzioni, Visioni

Senza capire più niente…

Beso

[Elvana:]
S’mundem të shoh, s’mundem të prek unë jo
Uooh, vetëm një moment mjafton dhe mekem
Një letër nga ty lexoj,
o-o-oh mes lotësh bëhem e fortë.
(A-Ha) Shumë po du me t’pa,
nuk e di se sa sa kjo do vazhdojë.
(A-Ha) Shumë po du me t’pa
nuk e di se sa sa…
Duro shpirti im, e ke dashurinë
Gjeje pak besim mbi të gjitha ti.

[2Po2:]
Yeah… Thuj Mirdita Djalit t’keq edhe një herë,
once again… I’m a hustler, I’m a hustler baby
Nuk e kam hiç t’lehtë,
po m’dridhet dora me ja nis me shkru kët letër
Sigurisht që planet mbetën stand by për naj here tjetër.
Nuk e di pse ndjenjat për ty rriten n’kto 10m²
Jam ka du me t’pa,
jam ka du me t’prek,
Jam ka du me t’pas n’dorë
Se o ka m’mungon zoni yt,
aroma dhe flokët e gjata.
Garant as ti nuk e ke t’lehte,
pa mu netët i ki t’gjata
Po menoj ja vlen me vujt,
po menoj ja vlen me prit
Po menoj që sfidat për me kon
bashkë na dy kryhen një ditë.

[Elvana:]
(A-Ha) Shumë po du me t’pa,
nuk e di se sa sa kjo do vazhdojë.
(A-Ha) Shumë po du me t’pa
nuk e di se sa sa…
Duro shpirti im, e ke dashurinë
Gjeje pak besim mbi të gjitha ti.

[2Po2:]
Une e di se pret prej meje me t’kërku falje sot
Problemet e mia n’jetën tonë kanë pru dhimbje e lot
A e din pse e maj kryt nalt
kur e di se ty t’kam krah t’forte
Ti e din ça pres unë prej teje
vazhdo e qëndro e fortë
Cuz’ I’ve been hustlin’,
hustlin’ mas lekve si i trent
Jam ka du me t’pa,
nuk e di se sa duhet me prit at moment
Po menoj ia vlen me vujt
Po menoj ja vlen me prit
Po menoj që sfidat për me kon
bashkë na t’dy kryhen një ditë

[Elvana:]
Duro shpirti im, e ke dashurinë
Gjeje pak besim mbi të gjitha ti.
Duro shpirti im,
beso nuk kam asnjë tjetër
që e do, që e du më shumë se ty…

Credi

Elvana:
Non ti posso vedere, non ti posso più toccare
Ooooh, basta un momento per stare da soli
Leggo una tua lettera
Ooooh attraverso le lacrime diventerò forte
(Hoho), vorrei così tanto vederti
Non so quanto ancora durerà
(Hoho) vorrei così tanto vederti
Non so quanto ancora…
Fermati attraverso il mio cuore, hai l’amore
Trovo solo un po’ di speranza solo in te!

2po2:
Yeah… dì alla gente cattiva ancora una volta Hello,
Once again… sono un casinista, sono un casinista baby
Non ho niente,
la mia mano trema a cominciare a scrivere questa lettera
I progetti stanno in stand-by ancora una volta
Non capisco i sentimenti in questi 10 metri quadrati
Ti voglio vedere
Ti voglio toccare
Averti in mano.
Perché mi manca la voce
Il tuo profumo e i tuoi capelli lunghi.
Va bene, anche te non hai niente
Senza di me le tue notti sono lunghe.
Credo che valga la pena soffrire.
Credo che valga la pena aspettare.
Credo che le sfide ora che siamo assieme
Un giorno si fermeranno.

Elvana:
(Hoho), vorrei così tanto vederti
Non so quanto ancora durerà
(Hoho) vorrei così tanto vederti
Non so quanto ancora…
Fermati attraverso il mio cuore, hai l’amore
Trovo solo un po’ di speranza solo in te!

2Po2:
So che oggi ti aspetti che io mi scusi
I miei problemi hanno portato nella tua vita dolore e lacrime.
Sai perché tengo la testa alta?
Perché so che tu sei il mio lato più forte.
Lo sai cosa io mi aspetto da te
Fare ancore e rimanere forti.
Perché ho fatto casino
Fatto casino con i soldi, come un pazzo.
Ti voglio vedere
Non so quanto ancora dovrò aspettare per questo momento.
Credo che valga la pena soffrire.
Credo che valga la pena aspettare.
Credo che le sfide ora che siamo assieme
Un giorno si fermeranno.

Elvana:
Fermati attraverso il mio cuore, hai l’amore
Trovo solo un po’ di speranza in te solo!
Fermati attraverso il mio cuore,
Credimi, non ho nessun altro
che io ami quanto te…

Non si capisce più niente, saltano tutte le categorie del pensiero, saltano i conti, saltano le ragazze, non so più chi amo e chi sto amando, da chi vorrei essere amato, e nelle canzoni ritrovo quell’amore perduto che non so più dove trovare, mi sembra di vedere ancora Manuela, lì a camminare, a passarmi davanti, senza dire niente, lei che si sfiora i capelli, io e le mie parole con lei, non so cosa mi sta succedendo, non lo so, mi devo vedere con una, ma non mi passa, e non so più se stavo desiderando lei o Leida, o, dato che non potevo avere lei, Manuela, mi ero dato a Leida come in un sogno erotico, e se, ancora per Manuela, ho deciso di vedermi con Marina, come ragazza di riserva, per svelare quel mistero russo, di quella lingua, che ora non sa di niente, mentre decine di canzoni albanesi di Elvana Gjata scorrevano stamattina in me, e non è neanche la lingua albanese, quella che parla Leida, con tutta la sua forza, il suo odio, il suo essere puttana, non è neanche un desiderio erotico, come quello di stanotte, una perversione, non si sa, le ragazze non guardano quei video, mi dicevano, i cinesi, non li guardare, come tanti altri, che cosa contano? Non contano niente? Impossibile razionalizzare qui, vedo solo Manuela, e sento solo Manuela, nel canto, incomprensibile, nei vocalizzi, quasi nelle lacrime, che non mi importa più niente, di rivedere Marina, a che pro? Di rivedere Leida, ora che tutte le fantasie sono state soddisfatte, non so più davvero cosa vedere in Manuela, non lo so neanch’io, cosa aspettarmi da lei, niente, forse, niente, eppure quella sensazione di ieri sera non la posso dimenticare, quando tornavo lì dal supermercato, mi sono innamorato, mi sono innamorato, dicevo, e non ce n’è che tengano, né Leida e la sua energia, né Marina e il suo essere ragazza russa come tante, qui a cercare lavoro, a cercare marito, né reggono le fantasie erotiche con Liana, né tutte le lingue e tutti gli studi, e butto via questa mattinata nella musica, per sentire i sentimenti, altro che vietare la musica, vietare il canto, e mi inebrio ancora di arte, di spettacolo, di parole, che mi chiedo cosa c’entro io questo pomeriggio a smontare macchinari, cosa ci faccio là, forse solo per guadagnare dei soldi che poi non spenderò, né con Leida, né con Marina, perché tutta la passione viene solo da Manuela, e si disperde nella musica, che mi sembra di aver già provato tutto questo, non so quanto tempo fa, non so per chi, per che cosa, e il caos finisce qui, si disperde nella musica, nel canto, e non c’è da star qui a chiedersi troppo, a domandarsi, tutte le emozioni le sento per Manuela, e le altre erano solo un diversivo, che mi viene quasi voglia di smettere di fumare “Ho smesso di fumare! Ieri! Adesso solo caffè!”, che non so se scherzava, non lo so, con le guardie, non lo so, non si capisce più niente, eppure tutta l’emozione è solo con lei, in quei brevi istanti, e non so più neanch’io cosa c’entravano i sogni di questa notte, di essere immersi dentro una stanza matrimoniale come se fosse una piscina, una casa allagata, in Sicilia, la stanza dei genitori di non so chi, forse di Alice, e cercare la cassaforte, come un ladro, per rubare soldi, e trovarsi come arrestato dalla polizia, per poi ritrovarmi di fianco a mia cugina Morena, a parlare, io a provarci con lei, io che cercavo di darle un bacio, sulla bocca, un bacio di passione, lei e i suoi capelli castani, noi e il nostro essere cugini di secondo o terzo grado, la passione e l’erotismo e quasi l’incesto, un altro sogno erotico, d’amore, in una città che sembrava uscita da un film romantico, dai colori blu della notte e bronzo delle strade illuminate da lampioni, lei vestita come una grande damigella, un sogno ottocentesco, un bacio passionale senza fine, che non mi veniva concesso, in nome della parentela… e ancora una volta sogno lei, Morena, come altre volte la sognavo in una specie di tavolata senza fine, in un ristorante che si dava delle arie, ad un matrimonio non so di chi, io che la cercavo, che la sentivo mia, e mi perdevo poi negli altri tavoli, dopo il lungo pranzo in compagnia di decine di invitati da tutto il mondo, al matrimonio forse di sua sorella, Sara, persone su persone e ancora lei, Morena, come quando la rivedevo quel giorno del funerale, quando languivo per Xhuliana, quel 2013 colmo di emozioni profonde, che ora mi ritorna tutto, il viaggio in Albania, il funerale e quella notte del funerale quando andavo da Xhuliana, per fare l’amore, con tutta la passione del mondo, e mi ritorna tutto ora, tutto si mescola, che non si capisce più niente, cosa io provo, cosa sento, chi voglio e cosa voglio, non si capisce più, neanche dio e le preghiere, neanche i sentimenti e le canzoni, e nella musica solo trovo il conforto e l’immaginazione, e i giusti sentimenti che si mettono a posto e capiscono che tutto questo caso è in fondo dovuto a Manuela, non so perché, non si capisce, e mi sento bene pur non capendo più niente, e mi inebrierei ancora di musica e canto, fregandomene di tutto, dei lavori, delle nottate, delle uscite, degli studi, che non si capisce più a quale lingua io stia facendo la corte, a quale ragazza, cosa succede in me, e la mia anima sprofonda e il mio cuore si ferma, e non posso che credere nell’amore delle ragazze, altro che l’amore di dio di cui mi parlava Eugenia, no, ancora una volta, solo le ragazze sono davvero la risposta, tutto l’amore, tutta la passione che si disperde nella musica e nel canto, e non c’è spiegazione, conclusione, risposta, e in questo non capir niente mi sento bene, anche se sprofondo sempre di più, e non mi interessa più niente, e mi inebrierei ancora di musica e canto, ricordando Manuela, sognando forse ancora mia cugina Morena, senza capire più niente…

Poesie, Traduzioni

La nebbia dell’amore…

Quando andavo lontano verso di te venivo
Quando venivo vicino andavo via
Ma un demone mi spaventa della lontananza
E la della vicinanza facevo una scintilla

Neanche capivo come ti amavo
Una nebbia come una follia
Come un poeta che scriveva versi
E accende un fiammifero e diventa fuoco

E forse questo era amore
Distorto a casaccio…….
Ma un demone mi spaventa della lontananza
E della vicinanza altrettanto

 

Mjegulli I Dashurise

kur ikja larg drejt teje vija
kur vija afer ikja larg
per dreq me trembte largesia
dhe afersija behej cark

as e kuptoja si te desha
nje mjegull pus nje cmenduri
si nje poet qe shkruan vjersha
dhe ndez nje shkrepse dhe i ben hi

dhe ndoshta kjo ish dashuria
e cakerdisur kuturu………..
per dreq me trembte largesia
dhe afersa gjithashtu

Dritero Agolli