Prosa Poetica, Visioni, Sogni

A love dream where she appears…

It’s when you feel good that you don’t need to smoke, going back to the other bar, where there were no old men talking politics without nothing new to say, apart from the same old stuff, Italy, Italy, our money, the parties, nobody does nothing, always the same old stuff, going back to my home, where I collected myself invoking a far away god, to help me, to help me get out from hell, hell that is other people, and then getting up again and deciding to go to the other bar, where there is the Chinese woman, the Moroccan girl, many other people from all over the world, a multicultural environment, freedom and music… and while I was walking there the dream of the night came back, a dream about Aida, who’s now in London studying economics and law, and in that dream I bought her some necklace, some jewelry, and she wasn’t happy all the same, she wanted more, something more from, a proof that I really loved her, and she appeared like a dream come true, when I could have the right girl for me… and then it started, during the morning, the talk to myself in another language, English, where I could be free, where I could be myself, after yesterday night songs in Italian, Italian rap from the blocks of popular flats, drugs and money and sex and petty crimes, the same old stuff of the peoole class, nothing new, and I wondered if I really liked those songs just because Ana suggested to listen to them, I liked them as a doctor who studies pop songs, with a linguistic and semiotics look, but there was no beauty, there wasn’t nothing, and before going to bed I needed some other Italian songs, Erma Meta, an Albanian Italian singer who sings in Italian, normal pop songs, voodoo love… and I had made the same mistake yesterday night, contacting Marina after watching “Eternal sunshine of the spotless mind”, dreaming of love, discarding the idea of watching “The snowman” movie, go away from crime movies! Go away from that! And I could still dream of love, thinking of Ana, thinking of her, realizing how good I feel now that bizarre Leida isn’t there anymore, now that blackness for Alina has gone, and I enjoyed the movie, and my fantasies, and my desire for Ana… and then it was, there, in the bar, listening to the radio “Perfect”, the song that Aida liked, a love songs, the kind of songs that girls like, and I saw her, the Moroccan girl, Miryam, her beauty, her stupidity, her long black hair, no longer curly as before, I could have said that to her, but I kept silent, I didn’t want to ruin the right sensation of music going on, the smile of the Chinese woman, the normal people around me, and I thought of England, of London, the picture of Laura and her dreams, she drinking together with her British friends, London, another place, younger people, more open minded people, and the stupid videos on Instagram by Dua Lipa, a British hit, half Albanian, half British, like Aida in London, like the dream of her, a dream of love, like Miryam in the morning, like Aida in the night during my sleep, like the imagination and recollection and desire for Ana during the movie, while listening to other songs, and for a moment I still wanted to escape, escape to another country, another city, England, London, meet young people, listen to different speeches, talking to different people, be myself, be in a civilized country, among my peers, if only there wasn’t only the same old fear, meeting bad people, working class people in the shared apartments, ruining all the magic of English which always come out from songs and movies and books, literature, art, music, cinema, and it was like an infinite fiction of the mind, a dream which continued to live on me, from Ana to Aida to Miryam and back, from Miryam to Aida and Ana, girls, girls, girls, like dreaming of Inna yesterday night, this girl my age who always take pictures of her alone, in strange places, a girl who savours of emptyness to be filled, also when she was in a picture loving a stupid dog, sitting on the seaside, wearing stupid clothes, and I wonderd how it could be to talk to a pop star, trying to know her real wishes from life, just like talking to her like a fan in love with a girl that inspires love, and it was a continous dream, an infinite dream, from yesterday night until now, through Ana, Aida and Miryam and towards a girl who probably doesn’t even exist, a girl still to find, a dream of love that still lives, beyond working hours and rest hours and free time, and music still runs in my vein, the right music, the right imagination, that my mind is something between a radio giving out pop songs and an Instagram screen giving out all photos of singers and of girls, and I feel like a pop mind, liberated from emptiness and heaviness, and I still dream of London like a pop dream, where Aida lives, where other people have found their future, and if only there wasn’t work to be done, if only London was a place to stroll, meet people, talk, drinking some beers together with others, if only money didn’t exist, if only everything was just like a love dream, where Aida appeared, where Ana became Inna, where Miryam became Aida, where Marina and her Russian disappeared and it became the eternal sunshine of the spotless mind where Alina became coloured and my dreams pictured themselves like the last vision of Ana, and those rap songs give me nothing but a view of common teenagers, they still dream, they still have visions, and Ermal Meta sang about love, and what’s the difference between Italy and Albania, Ermal Meta, what’s the difference between England and Albania, Dua Lipa, and why Rudina is still there in Albania, suggesting me to work with my father, saying to me that it’s the same the world over, that there aren’t other different worlds, different countries, different world views, it’s just a dream, a dream of something which doesn’t exist, a dream of someone, of some girl who doesn’t exist, it’s just the world of dreams where I want to live, where all girls appear, where she appears again, Ana, and Aida, and Miryam, and all over and over again, like Inna in a poster, on a screen everywhere, a love dream… and I still dream of other languages, of other people, of other girls, and I still dream, dream in another language, in a world made of different sounds, of different images and visions, I still want to live in a dream world, made of sounds, made of visions, where she appears…

Advertisements
Prosa Poetica, Ricordi, Visioni

Lei e il suo sguardo di luce cristallina…

E alla fine è ritornata, Ana, come mai mi sarei aspettato, passare la giornata di ieri a leggere ancora “Il leopardo” di Jo Nesbo, in inglese, lettura serrata, pur di non dormire, e passare la mattina a fare una foto di me stesso dal fotografo, per avere una foto per mia madre in una cornice, per avere una foto decente sul profilo dei social, e passare a pagare la multa di quella notte dove vedevo Ana, ormai a metà dicembre, una multa che non era niente, niente di cui preoccuparsi, al di là degli scherzi degli amici sull’ereditiere, perché non mi preoccupavo affatto di una stupida multa della velocità… e il giorno andava avanti così, leggendo, leggendo ad alta voce in inglese, concentrandomi sul libro, che sembrava non ci dovesse essere altra preoccupazione, mentre il lavoro era già sfiorato la mattina, quando il grosso camion non poteva fare lo scarico delle merci nel piccolo spiazzo della nostra officina… giornata libera, pensavo, giornata libera, tanto più che mio padre e il suo collega sono fuori a Parma e fino alla sera non si vedranno… giornata libera, che mi strafacevo di caffè e di sigarette, che la sera riposavo e dormivo un po’, impazzendo ancora sulle immagini del tempio e sulle immagini di Inna, e sul restyling di foto e sfondi vari nei mondi virtuali, quasi da perdersi, ma fino a riscrivere la Norvegia non più come un luogo oscuro, ma un paese come tanti, con la sua cultura, le sue città, non solo i fiordi, i racconti di Harry Hole, la vita come in tanti altri paesi, e non più la visione adolescenziale di band oscure e black metal, la Norvegia come un paese come tanti altri, e non più la patria del True Norwegian Black Metal, e della depressione, e dei pensieri oscuri, c’era invece la luce, la luce dell’intelletto che comprendeva il libro di Harry Hole in inglese, che seguiva la trama, che immaginava gente normale, una lingua come tante, come quel film, “Headhunters”, in norvegese, e tutto andava anche meglio quando nel pomeriggio andavo a ritirare la foto nel negozio, una foto venuta bene, che quasi non mi ricordavo più che il volto umano può ancora sorridere, come mi sforzavo di fare nella fotografia, e dove alla fine riuscivo anche a sorridere, per piacere, nel corso della giornata, a quell’amico siciliano, quell’altro albanese, e quella ragazza romena incontrata per sbaglio una volta a Milano… e la notte, la notte che non voleva più saperne di stare ancora lì a leggere, avevo già macinato duecento pagine, e di più non potevo fare, allora mi vestivo, prendevo i soldi e uscivo, uscivo alla ricerca di qualche ragazza che mi poteva ispirare… un altro giro, non alla solita via dell’antico porto delle sirene, ma là, nelle rotonde della perdizione, vicino dove abita quell’amico di tempo fa, nessuna vera bellezza presente, solo una ragazza bionda, dal volto slavo, da vera puttana, come Leida, che mi sembrava Leida rediviva, o Amalia, o uno strano incrocio tra una delle due, una ragazza come tante, una ragazza come tante al lato di una strada… e giravo e giravo, tra le rotonde della perdizione e il porto delle sirene, dove la notte si popolava di ragazze come quelle, sparse davvero dappertutto, come ai vecchi tempi, e rivedevo la ragazza simile alla Meroni, l’ultima, e l’altra mora dal volto da puttana, che per un attimo mi veniva voglia di andare da lei, mi scatenava quel desiderio che quasi vedevo in quella bionda tra Amalia e Leida, che alla fine non ribeccavo più, e passavo oltre, oltre la mora, per rivedere Isabela, un’altra sconosciuta, le solite negrette qua e là, e la notte era piena di sirene, piena come ai vecchi tempi… e poi, lei, lei, sì, lei, Ana, era tornata, là dove prima non la vedevo, non c’era, non l’avevo vista, era là, di fianco ad una nuova, un’altra giovanissima, passavo davanti ad Ana non convinto di aver voglia, di desiderarla, e l’immagine di Inna che mi era impressa nell’anima si stagliava sul volto di lei, di Ana, per notare tutte le differenze, un volto che non ricordava per niente Inna, ma un volto più sensuale, dalle labbra più carnose, dai capelli meshati di castano e di biondo, un corpicino più sensuale, uno sguardo da vera ragazza che sa cosa voglio da lei, e la voglia tornava, al di là di tutte le visioni, al di là di tutti gli automatismi che stavano scattando nel cercare quelle, resti di pensieri deliranti di una volta, che notavo, che controllavo, e che archiviavo… e poi sì, alla fine, mi fermavo da lei, da Ana, e lei, con la sua voce da ragazzina, il suo sguardo da ragazzina, mi prendeva ancora, che pensavo alle ultime parole dette alla visita, quando dicevo che la stavo aspettando, la stavo aspettando, e pensavo sarebbe tornata solo a febbraio… saliva in macchina e si parlava, della patente, che non ha ancora fatto, che non fa per lei, che ritornerà forse due o tre gironi, solo due o tre giorni, pensavo, per fortuna, mentre cercavo di parlare con il sorriso, con la voglia di lei, con la sete di amore per una ragazza così, anche quando le dicevo che ormai ascoltavo anch’io reggaeton, e lei si accendeva, si svegliava, il volto le si illuminava, e dimostrava tutta la sua età, la voglia d’amore, e la voglia di musica… diceva che ormai non ascoltava più reggaeton, ma si era data al rap italiano, come quei ragazzi e quelle ragazze sedicenni o giù di lì che vedevo una volta al parco, in giro per le strade, quest’estate, con la musica rap dal cellulare, e le compagnie di giovani persi ad ascoltare quella musica, i primi amori, le prime esperienze, i primi sviamenti, che mi sembrava di tornare giovane, ventenne o giù di lì, con quella musica disperata e giovanile, con quei suoni così simili a certe canzoni rap albanesi, con quei testi disperati, e sognavo e sognavo e mi perdevo già nel mondo della musica, che già la notte, da me, aveva cominciato ad infestarmi… la musica, la musica e fermarsi lì con lei, con Ana, al solito posto, al solito parcheggio, e godere di lei, dei suoi seni, della sua voce, del suo sguardo, “Ero disperato, pensavo che tornavi più avanti, a febbraio!”, “No, dicevo che tornavo a febbraio, ma ho voluto tornare prima…” “Meglio così, che non sapevo come fare…”… e lei si spogliava, per lasciarmi godere dei suoi seni, del suo corpo, quel volto che avrei voluto baciare, ma non avevo il coraggio di baciare, quei miei pensieri un po’ depressivi, un po’ ansiosi che andavano via, ritrovando la voglia in me, e poi la sua arte, la sua arte e toccare il suo corpo, guardare il suo corpo e toccarlo, lei più bella di qualsiasi immagine di ragazze di VK, e godere con lei, del suo ritorno, delle sue parole, del suo corpo, della sua musica, del mio desiderio ritrovato, della mia attesa che finalmente conosceva requie, e tutto il piacere di questo mondo si liberava nella sua bocca, sulla visione dei suoi capelli, del suo corpo, dei suoi gesti, del suo accendersi e illuminarsi al parlare di musica, anche quando diceva Arcangel, pronunciando bene la “g”, alla spagnola, e ripetevo anch’io, Arcangel… e godevo e godevo con lei, del suo ritorno, che avrei speso una notte intera a parlare con lei, a starle affianco, ad ascoltare la musica, e tiravo fuori il mio cellulare, per ascoltare e farle ascoltare quella canzone, “Egoista”, di Ozuna, per vedere se lei quella canzone la conosceva, le piaceva, o che cosa, “No! E’ troppo lenta, non mi piacciono le canzoni lente, le voglio più veloci…”, “Allora spegniamo…”, “Io ascolto queste adesso…”, con il suo volto illuminato, il suo sguardo nei cieli, ed erano canzoni rap, proprio quel rap da adolescenti, “Figli di papà”, “Tran Tran”, quella musica libera e disperata, leggera e allo stesso tempo che racconta storie di vita, vita vera, e non sciorinate semipoetiche di canzone dalle parole sempre uguali in combinazioni diverse, e lei si metteva lì, ad ascoltare la sua musica, a ripetere le parole, che sembrava sapeva a memoria, e glielo dicevo, “Ormai le sai a memoria le parole!”, “Sì…”, e tornavamo indietro, io pieno di lei, del suo ritorno, della sua musica, della libertà della notte, del piacere provato, della voglia di rivederla ancora, di ascoltare la sua musica e quella degli adolescenti, “Allora mi infomerò sul rap italiano”, le dicevo, “Sì…”, e lei guardava avanti, nascosta dalla sua sciarpa, che le si vedeva solo il nasino, e il suo sguardo perduto di luce cristallina, e la sua voce come un arcangelo mi stava affianco, per l’amore ritrovato, il desiderio, la voglia, l’attesa che era finita e ora sapeva di lei e di musica, della sua voce, della sua musica, del suo corpo, della sua bellezza, e la lasciavo lì, “Ci vediamo!”, “Ciao! Buona notte!”, “Anche a te…”… e la lasciavo lì solo per vedere come lei scendeva dalla macchina, sbirciare ancora il suo corpo e vedere dal retro dello specchietto come un’altra macchina subito le si avvicinava, un altro abituale, pensavo, ma non mi importava, perché ero pieno di lei e della musica, della libertà della notte e del piacere, e facevo il giro dell’isolato, per tornare indietro… tornavo indietro e lei era ancora là, chissà cosa le aveva chiesto quello, chi se ne frega, era ancora là, a guardarmi e io a guardarla mentre lei accennava movimenti con le gambe, quelle gambine dai fuseaux neri, dai lunghi stivali neri, che esaltavano il suo corpo, e il suo sguardo di luce cristallina, il suo sorriso, le sue labbra, la voglia di lei mi lasciava nella notte con quel ricordo di lei, al margine di una via, con la sua musica, la mia musica, la sua bellezza…

La notte, la notte in macchina, là dove mi fermavo ai tempi di Xhuliana, tra il cimitero e il parco, la musica che mi invadeva, e il ricordo e il desiderio di lei, una sigaretta, quella che ci sta sempre dopo l’erotismo, e il sogno di lei, di rivederla, di riassaporare quei momenti, di riviverli, di volerla ancora, desiderarla ancora con i giusti tempi, la musica che ascolterò, la sua musica e la mia dentro di me nella libertà della notte, nella voluttà dopo l’erotismo, dopo di lei, le parole che raccontavo che ritornavano, quelle frequentazioni femminili, mi dicevano, mi parli di questa ragazza, di Ana, che le parole sui social con altre ragazze non volevano dire più niente, perdevano di senso, e così la lontananza dal computer, dal tablet, dal cellulare che avrebbe emesso soltanto musica, se la musica già non mi invadeva, dentro di me, insieme ai suoi occhi di luce cristallina, all’amore ritrovato, al desiderio, all’attesa che aveva giunto il suo termine…

Un’oretta così, in macchina, sdraiato, a ricordare lei, la sua bellezza, il senso che ritornava, il giorno dopo che non esisteva, non sarebbe esistito, e quei troppi caffè del girono che si facevano sentire, insieme alle troppe sigarette, ma non mi importava più, ora che lei era ritornata, ora che lei c’era ancora, lei e i suoi occhi di luce cristallina…

Tornare a casa per dormire, una sigaretta di troppo, la notte, senza gustare quel piacere immenso che provavo una volta, è diventata una cosa tra le altre, un’altra parte dell’infinito mosaico della vita, come alludevo alla visita, quel desiderio che non è più imbizzarrito e impazzito, mi dicevano, ed era così, e non avevo bisogno di alcol, di musica, di poesia, la notte, perché tutta l’ebrezza dell’anima viveva in me, e potevo andare a dormire, continuando a ripetermi che Ana finalmente era tornata…

Il risveglio, un risveglio tardo, che già la mattina mi partivano in automatico quei pensieri di quest’ultimo mese senza di lei, l’abitudine, l’abitudine dei cattivi pensieri, l’ansia e la depressione, le paranoie di un sentire non più vigoroso e intenso come una volta, le solite paranoie, che andavano via al pensare a lei, all’ultima notte, all’ultima ispirazione, e un risveglio che non sapeva più come quei risvegli intensi e avvolgenti dei tempi dell’università, o dell’estate scorsa, dell’anno scorso, un sentire forse non troppo libero, dovuto al lavoro, all’ora tarda, al corriere che sarebbe dovuto arrivare, al poco tempo per raccogliersi, per bersi un caffè al bar, per fumarsi un paio di sigarette, tutto di fretta, la mattina, nell’ansia del lavoro, di vedere altra gente che mi avrebbe forse fatto perdere l’ultima ispirazione, un senso di perdizione, al risveglio, eppure lei ancora c’era, c’era ancora quando andavo al bar a bermi il mio caffè, c’era ancora quando andavo in officina e poco dopo mezz’ora arrivava quel corriere per scaricare della merce, il lavoro, il lavoro, da solo, senza colleghi, per fortuna, senza mio padre, il lavoro da solo che per un attimo mi si velocizzava il battito cardiaco, e mi agitavo, in piccolo, per quelle operazioni di scarico, per quel lavoro con quel corriere probabilmente albanese, un lavoro che andava liscio, mentre dentro di me pensavo solo a lei e alle parole da trovare per non perdere l’ispirazione dell’ultima notte… il computer che non andava bene, quello in ufficio, quel computer che mi toglieva la privacy, quel quaderno che non andava bene per scrivere di me stesso, dei miei sentimenti, in un asettico ufficio, l’officina che non significava più niente, dopo aver messo a posto i bancali, e la voglia di ricordare lei, di ricordare Ana, di non pensare neanche a raccogliermi verso qualche lontana divinità, e poi lei, il pensiero di lei che ritornava quando, nel calore della mia stanza la poesia alla fine dell’età della tecnica sorgeva ancora per cantarla e ricordarla, Ana, lei e suoi occhi di luce cristallina, che ancora la voglio, la desiderio, la serbo nel mio cuore, e non voglio dimenticarla, dimenticare quei suoi passi, quella sua arte, quella sua bellezza, quel suo corpo, quella sua voce, che mi perderei ancora, ancora e ancora nel ricordo della notte con lei, e da oggi vorrei fumare di meno e bere meno caffè, smettere di attenderla, godere ancora con lei non si sa quando, non pensare più, come mi diceva lei, non pensarci, non pensare più al lavoro, a mille cose, a troppi pensieri, sii più libero, più libero di volerla ancora, di volere questa mia sguinzica, come mi diceva un napoletano a Milano una volta, “Lo so che hai la sguinzica…”, quel giorno che incontravo Olimpia, solo per pentirmi e ricordarmi che la notte prima o qualche notte prima c’era stata lei, Ana, la ragazzina romena ventenne, quella che era tutto anche nell’ultima visita, nascosta nel mio profondo, ora che l’attesa è finita e ricomincia forse un’attesa di quando la vorrò ancora, lei, la notte, la sua musica, la sua bellezza, lei e il suo sguardo di luce cristallina…

Prosa Poetica, Visioni, Sogni

Al sogno di Eugenia…

E ci voleva “Groundhog day”, il film, per farmi sognare di nuovo… un sogno dove compariva lei, Eugenia… Eugenia che sorrideva, che era ritornata in Italia, che mi sorrideva e raccontava di lei, il suo sguardo, il suo sorriso, la sua bellezza, la sua dolcezza, lei che era tornata dalla Malesia, mentre stavamo davanti ad una chiesa dove qualche attimo prima me ne stavo con quel mio amico giapponese, Satoshi, ad ascoltare musica pop dalla radio, fino a quando arrivava il prete che mi diceva che di fronte ad una chiesa non si ascoltava musica così… ed Eugenia parlava di sé, la vedevo in una chiesa con tre navate, e stavamo seduti su una panchina di legno, mentre lei continuava a sorridere e parlare, un po’ birichina, mentre al suo fianco c’era anche Antonino, un antico compagno di classe, che anche lui ci provava e lei, Eugenia, faceva la civetta… e poi mi trovavo come in una piscina, con l’acqua che ci arrivava a mezzo busto, e insieme a Eugenia giocavamo a pallamano, anche se lei diceva che preferiva la pallavolo, e continuava a sfuggirmi, Eugenia, ora che sorrideva, ora che andava via, ora che si disperdeva nel riflesso di quell’acqua della piscina dove il suo volto si irradiava, e mi sembrava di amarla, di volere solo lei, e poi il sogno si colorava della distanza, come un film dei “Diari dei vampiri”, dove Eugenia era di nuovo altrove, in Malesia, tra delle zebre colorate di tutti i colori dell’arcobaleno, mentre lei portava al piede destro una calza color marrone, e dall’altro capo del mondo Damon pensava a lei, alla sua amata, e vedeva anche lui delle zebre di tutti i colori, i colori più sgargianti, e sognava lei, Eugenia, sdraiata nella giungla tra le zebre, forse a dormire con loro, e Damon vedeva anche lui quei particolari, quelle zebre multicolori, e una calza color marrone, e su quella scena di pensieri e sogni a distanza, su quei sogni colorati, mi svegliavo…

Eugenia, pensavo, sarebbe da scriverle qualcosa, possibile che quel film romantico di ieri sera nascondesse dietro l’immagine di Rita proprio lei, proprio Eugenia? E la sognavo, con una vaga riminiscenza di erotismo, ancora ad occhi aperti, e pensavo a quanto sarebbe stato bello se fosse veramente ritornata in Italia, così da poterla vedere, poter parlarci, e invece no, è ancora in Malesia, e l’unico modo per sentirla è mandarle qualche messaggio… che per un attimo tutto ritornava, la mia depressione dopo i tre anni di università, quando lei c’era ancora, e senza di lei tutto diventava nero, anche quando mischiavo i miei sentimenti tra Alina e Leida, mentre Eugenia non c’era più a donarmi la quella luce e quell’ispirazione che mi faceva andare avanti… e la sognavo ancora ad occhi aperti e sognavo la sua lingua inglese, non mi dava fastidio che era romena, e anzi dietro la Romania non scoprivo più né Ana, né quel viaggio, né la cantante Inna, né nessun’altra, ma solo lei, nascosta in qualche angolo della mia anima, con quel sogno d’amore ancora vivo, anche se spento, per la distanza, per una vita che provavo a immaginare, una vita che non mi piaceva, fatta di un lavoro che non mi rende affatto felice, nonostante i soldi, e cominciavo a sognare di una vita diversa, dove io, come lei, prendevo e decidevo di andarmene, non so dove, ovunque basta che sia lontano da casa, da questo lavoro, da questa gente… e riprendevo a sognare i vari altrove, l’Olanda, la Germania, l’Inghilterra, i paesi scandinavi, là dove si parla inglese, là dove c’è gente della mia età, con le mie stesse idee, passioni, lo stesso modo di sentire, e pensavo a tutti i compagni e le compagne che se ne sono andati via, lasciando il deserto dietro di loro, e non riuscivo proprio più a immaginare un futuro qua, tra quell’officina, quella casa, quei colleghi, e mi dicevo: “Non voglio più lavorare…”… sognavo un altrove, perché ogni volta che penso ad un futuro con una ragazza non riesco a far altro che escludere quel lavoro, quell’abitazione, e un futuro qui lo vedo solo colorato di nero, senza nessuna voglia di neinte, e sognavo davvero un altrove, quell’altrove che per ora posso solo trovare nei libri di Jo Nesbo in inglese, nei sogni di Eugenia, nel vedere gli altri andare via, all’estero, parlare in inglese, o in qualsiasi altra lingua, ma non qui, non qui, e ricordavo come ieri, in un attacco di depressione, maledicevo quel lavoro e quella gente, riprendevo in mano i volantini di EasyLondon, maledicevo quel caffè di troppo che avevo bevuto nel pomeriggio, mentre, camminando verso il bar, sognavo il re di Norvegia e mi veniva da salutarlo così: “Goude dag, norske flagge…”, la bandiera norvegese che sembrava la croce della fine dei mondi, Norvegia immaginaria dell’anima, ancora, un po’ depressiva, ma fatta di un altrove che qui non posso trovare, e ricordavo le parole di quell’amico, quando mi diceva che dovrei andarmene là, Norvegia, Danimarca, Svezia, mentre per ora in quei posti c’è solo la musica metal depressiva e i romanzi polizieschi… e pensare che l’altra sera guardavo pure “Headhunters”, film norvegese tratto da un romanzo a parte di Jo Nesbo, ed era un bel film, tutto un dramma sulla paternità e sull’amore con una donna, un thriller simbolico, sui generis, che mi dava alla fine quel giusto conforto, senza contare il sogno d’amore nato dal film di ieri sera, “Groundhog day”, che vedevo forse da piccolo, in italiano, e riguardavo ora in inglese… e un po’ mi riprendevo dalla depressione di ieri, dai pensieri oscuri, da quella musica che provavo a riascoltare, senza che mi desse niente, quei dischi degli Opeth, rumore, casino, non so come facevo ad ascoltare quella musica, ma neanche la musica pop salvata mi dava più quell’ispirazione, e il sogno di Ana si dissolveva, e rimaneva soltanto l’idea che se una ragazza come lei decide di emigrare facendo quel lavoro lì, alla sua età, allora tutte le strade migliori, con una laurea, possono essere aperte… ma non so ancora dove andare, come muovermi, cosa fare, ho solo la mezza idea di telefonare domani al CPS e dire che non voglio più lavorare, non voglio più stare qui, non voglio più provare questi attacchi di depressione e di nero, e non voglio che gli unici colori della vita siano limitati al mondo dei sogni dove rivedo Eugenia e il suo coraggio di partire per la Malesia… e poi, la lingua inglese, quella che assaporo nei film, nei libri, quella lingua che mi fa ancora sognare e mi sembra il passaporto più valido per andare altrove, per fuggire da qui, e non so più se questa sia depressione dovuta al poco lavoro di questa settimana o a quei colleghi che non sopporto più e ai quali è meglio non pensare… se solo ci fosse ancora la libido, l’erotismo, la voglia di quelle ragazze, mentre la gente sul lavoro mi fa passare la voglia di tutto, e io a vedermi fare quel lavoro tra non so quanto tempo proprio non mi vedo, e vedo solo un futuro condannato all’infelicità, perché una vita fatta di un lavoro che non mi piace e dei soldi solo per uscire con quelle o con gli amici, senza sentire nessuna gratificazione, nessun riconoscimento, nessun orgoglio a fare un lavoro così, nonostante i soldi, non mi permettono di andare avanti, e forse sto ricadendo solo in un baratro di quelli già provati l’anno scorso, quando le sole parole di Dario bastavano a tirarmi su: “Hai un lavoro! Non buttarti giù! Sii più positivo! Più propositivo! Hai un lavoro! Pensa a quelli che non hanno neanche un lavoro!”, e qui mi riprendo, ogni volta, pensando che in fondo un lavoro è già qualcosa, è già una sicurezza momentanea, e che forse la lingua inglese e i sogni delle ragazze sono limitati al tempo libero, al mondo della notte, dei ricordi, delle suggestioni, e il nero dell’anima è vinto soltanto dal sogno di Eugenia, dal sognare una vacanza di una settimana in qualche città del Nord Europa, e va bene sognare così, senza pensare a nient’altro, forse solo alle ragazze, e non ho voglia di vedere tutto nero di nuovo… e che siano i colori allora! Che ci siano i colori! I colori della vita! E lasciamo andare via i momenti no, i momenti scuri, i momenti fatti di musica-rumore adolescenziali, evadiamo ancora in vari mondi grazie alle letture, ai film, stiamo attenti all’evasione e alla realtà, e aspettiamo ancora una settimana prima di dare un giudizio negativo a questa esistenza, aspettiamo ancora un po’ e vediamo come mi sentirò ancora settimana prossima, e non pensiamo troppo, non cadiamo nei tranelli dell’anima dell’anno scorso, del bisogno di evadere, di scappare, di cercare mondi alternativi, proviamo ancora a credere di dover essere più positivi, più solari, di vedere i lati positivi, e non di cedere a fantasticherie di evasione, e pensiamo al bello e ai colori, al sogno di Eugenia, ed evitiamo il nero dell’anima…

Prosa Poetica, Ispirazioni, Visioni, Sogni, Pensieri liberi

Di fronte ai sogni d’amore delle ragazzine ventenni…

Giornata senza un attimo di tregua, ieri, dalla mattina a finire di leggere il saggio “Psyche e techne”, finalmente compreso, finalmente da ricordare, che finivo di leggere in biblioteca il pomeriggio, quando in casa non riuscivo più a starci, e rilassarsi in biblioteca poi davanti a qualche video della Deutsche Welle, sulle notizie, sulla situazione in Bosnia, tra tensioni etnico religiose… tornare a casa alle sei, quando era arrivato mio fratello, con i suoi figli, sua moglie, lui che cercava già di collegare la playstation 4, ma non c’era il cavo giusto… scherzare, sul mio sfrisare le macchine durante la manovra, come l’ultima volta a mia cugina, io che ero strafatto di caffè per cercare di stare in piedi durante la giornata, senza sentire più quel sonno estremo di questa settimana di ripresa del ritmo, quando un sonno indescrivibile mi prendeva dopo pranzo… ricordarsi delle parole con il dottore, che mi trovava bene, meglio di un sacco di altre volte, e darmi da fare in mezzo ai nipoti per tenere l’atmosfera gioviale e divertente, mentre poi provavano tutti i loro giochi e gli consegnavo anche Fifa18, dicendo che l’aveva scelto la befana, che io non sapevo cosa c’era in quel pacchetto regalo… i nipoti contenti, i ringraziamenti, la serata che andava avanti tra un gioco e l’altro, tra le chiacchiere di mio fratello, sua moglie e i miei, loro che mi dicevano di ordinare una pizza, al trancio, e ordinavo sette tranci formato maxi dal pizzotto, una bella spesa che mi permettevo con i soldi guadagnati con questa settimana di lavoro, una sorta di altro regalo… i giochi con i nipoti, Minecraft, GT, Fifa18, Star Wars Lego, i sorrisi, le risate, i commenti, i giochi, atmosfera piena di vita, e la mia strana tensione da troppi caffè, da neanche un attimo di pausa, dopo che la mattina invece ero molto malinconico, ascoltando nuove canzoni Reggaeton, perdendomi nel ricordo di Ana, e la sera non avevo già più voglia di quelle canzoni, dopo che i miei nipoti erano andati via, quella musica che non significava più niente, una sorta di altra gamma di emozioni, di sentimenti, che non avevano più bisogno di alcun erotismo, di niente, ma solo di un sacco di riposo e tranquillità… uscire la notte per fare un giro, vedere chi c’era, Isabela o la Meroni puttana, altre ragazze, che non avevo voglia di uscire, c’era anche Aleksia… io che per un attimo mi perdevo in foto di VK di belle ragazze, ma non c’era desiderio, troppi caffè, troppo tempo con i nipoti, tutta un’altra gamma di sentimenti, e la voglia che non c’era, anche di fronte a una mora con i pantaloni grigio metallizzati e le scarpe rosse su calze nere, una bellezza dai capelli neri, che per un attimo risvegliava il desiderio, rimandato a non si sa quando… tornare a casa la notte, facendo sfumare quei ricordi della serata con i nipoti, pensando che forse la sera avrei fatto meglio a uscire al frida, in qualche pub, scambiare delle parole con altri, degli amici che non c’erano, e fermarsi invece la notte un attimo davanti al Carrefour Market dell’altro paese più in là, dove giovani di ogni tipo uscivano la sera, a scherzare, a parlare, a bere e fumare, e altri più adulti andavano invece a fare la spesa, di notte, mentre la notte andava avanti, tra pub, puttane, centri massaggi, negozi aperti 24h su 24, e la vita in tutte le sue forme mi si presentava la notte, che avrebbe voluto essere fatta di socialità e parole, al di là dei sentimenti con i parenti, al di là delle puttane in mezzo alla strada, mentre dentro di me musica su musica si manifestava, facendo sfumare i pensieri e immettendomi in un mondo di suoni e canto, una sorta di paradiso stanco… e la notte, la notte sognare un’officina dove c’era il prof Spano, quello di economia, che mi chiedeva se sapevo il russo o no, io che gli parlavo in russo, nel sogno, non so cosa dicevo, non mi ricordo più, che non c’era molto da dire, molto da sapere, e anche lui attaccava, dopo che faceva finta di non capire, con qualche discorso in russo, e mi spiazzava… mi spiazzava anche là in officina quando mi chiedeva della ragazza, e sembrava offrirmi una sorta di puttana russa, voleva incastrarmi, tra il lavoro, le puttane e la lingua russa, e sognavo invece di una ragazza tutta mia, una ragazzina che stava lì ad aspettarmi, la mia ragazza che nel sogno baciavo, ci baciavamo di un bacio appassionato, e non so perché quella ragazza nel sogno era siciliana, come le tre siciliane dell’università, come Desirée di una volta, e c’era tutto l’amore e tutto l’erotismo in quel sogno, anche se poi lei si accasciava a terra, come morta, e io ero preso tra l’officina e Spano che commentava, che mi voleva incastrare con quella ragazza, non so come, e temevo per me, e per lei, dalla quale mi allontanavo, lei sdraiata a terra come morta, che poi invece si riprendeva, ancora viva, e ci ritrovavamo con lei in qualche ufficio per qualche pratica, non so bene cosa, e lei mi stava vicino, e sentivo che mi amava, e che era la mia ragazza, e che io avevo superato il tranello che Spano mi aveva teso, lasciando perdere qualche puttana russa per dedicarmi alla mia ragazza, alla mia ragazzina che mi voleva bene… sogni erotici, come la notte prima dove sognavo un mondo distopico dove dei giovani come noi erano stati rapiti da una sorta di SS cyberpunk, che ci trasportava in un mondo sotterraneo per schiavizzarci e metterci alla prova, un po’ come Hunger Games o quei film distopici che vanno molto di moda adesso, e nel sogno compariva Anna K., la ragazza ucraina avventista, che anche lei sembrava innamorata di me, e voleva servirmi, e si voleva dare a me, e nel sogno la desideravo, come nel sogno desideravo quella ragazzina di questa notte, come un sogno d’amore, queste ragazzine ventenni dei miei sogni… e il risveglio, il risveglio che sapeva delle solite ossessioni, non capire più se era domenica o un giorno lavorativo, non ricordare più le giornate passate, ma immergersi solo nei sogni delle ragazzine ventenni, dei sogni d’amore, e la musica ancora mi invadeva, di una sorta di paradiso dei suoni e del canto, e non pensavo più ai libri di filosofia, alla televisione, alle lingue, a nient’altro, salvo andare al bar per vedere Miryam, un’altra ventenne ragazzina che ispira i sogni, e che trovavo lì al bar, lei, tutta alle prese con il fare caffè e consegnare tazzine, e Paolo che era lì al solito posto, dietro il bancone, ad aspettare la mia solita ordinazione di due pacchetti di sigarette e un caffè… Miryam che preparava subito il mio caffè, tra la ressa dell’altra gente, e mi facevo strada tra di loro per andare al bancone, dove Miryam diceva: “E’ per lui!”, posando la tazzina sul bancone, la sua strana bellezza marocchina e medioorientale, i miei pensieri negativi che si dissolvevano, e io che mi bevevo il mio caffè… lei che mi portava via il piattino, pensando fosse di qualche altro caffè lasciato lì da altri, no, le dicevo, lei che si scusava, un saluto e un sorriso e via, Miryam che dava già luce alla giornata, a quel sogno d’amore ventenne che si inoltra nel mio mondo onirico, tra queste ragazzine ventenni che non riconosco più, nei sogni e nella realtà, e quelle semplici parole con Miryam bastavano a fare andare via un sacco di inutili pensieri, per liberarmi in un mondo di luce diafana e spirituale, dalla quale nascono sogni d’amore, come altre due ragazzine che vedevo ieri in biblioteca, con le quali incrociavo lo sguardo, ragazzine carine, dei sogni, queste ragazzine ventenni che ancora ispirano sogni d’amore… e la mattina sarebbe fatta ancora solo di musica, quest’oggi, senza libri, fatta solo dei sogni d’amore che vanno oltre anche quel dovere di zio nei confronti dei nipoti, quel mio essere fratello e figlio, e mi verrebbe davvero di pensare ai miei trent’anni, se ciò non avesse alcun senso, di fronte ai sogni d’amore delle ragazzine ventenni…

Prosa Poetica

E non capisco più se è malinconia, desiderio o il daimon dell’erotismo…

Raggaeton narkotik, pensare ad Ana, quando tornerà, a febbraio, non sapere più distinguere il desiderio dalla malinconia, ieri notte, ascoltare la musica più depressiva del mondo, quei due dischi norvegesi black metal, sotto l’effetto narcotico di gocce di valium, il nero che invadeva l’anima, i troppi pensieri schizzati che si disperdevano nella musica, il daimon dell’erotismo che continua a infestarmi, tra nervosismo e malinconia, tra alti e bassi, Ana che continua ad innalzarmi e ad abbassarmi, quasi come ai tempi di Alina, la malinconia di allora, la musica reggaeton che non si capisce se sia desiderio o malinconia, altra musica che non dice niente, la sola esaltazione che si trova a leggere quel libro di filosofia, nell’eterno dilemma se un dio c’è oppure no, come condurre la vita e i pensieri, e svegliarsi senza alcuna voglia di lavorare, neanche di cambiare quella gomma che ieri era andata a terra, eppure poi fare il lavoro, come niente fosse, nella stanchezza del fine settimana, e non sapere più se è desiderio o malinconia, la solita paroliferazione che avviene, i soliti cerebralismi prima della visita, cerebralismi che ora vanno via, portati via dalla musica e dalla malinconia, e non aver alcuna voglia di lavorare, di fare niente, forse solo di leggere, forse quel libro di filosofia o quel libro crime norvegese che speravo potesse sovrascrivere la Norvegia immaginaria dell’anima, tra la malinconia, la depressione e la più pura tranquillità che non si cura più di niente, che non si capisce neanche più il senso della religione, della filosofia, dell’esistenza, che l’unica cosa che forse mi fa impazzire è il daimon erotico per Ana, e l’attesa di lei, che impazzivo l’altra sera invece a incrociare per strada Valentina T., che andava forse in chiesa a cantare o non so che, lei che mi salutava, con un sorriso a trentadue denti, un sorriso di felicità e sentimenti felici, perdermi poi nel suo facebook a guardare le sue serate nei cafè, nei pub, con i suoi amici, con le sue amiche, anche lì ad ascoltare reggaeton, questa musica che non si capisce cosa sia, solo perché piace anche ad Ana, e non sapere più se sia malinconia o desiderio o attesa, e non avere voglia di lavorare, e avere solo voglia di lasciarsi andare alla narcosi malinconica, e non avere neanche in mente cosa dire alla visita, se parlare degli amici ritrovati o dell’arrivo questa domenica di nipoti e mio fratello e sua moglie, a giocare alla playstation 4, fifa18, o lasciar perdere, o ricordarsi l’ultima puttana che ricordava Valentina M., o lasciar perdere, e non sapere più se desiderare o no, se darsi alla vitalità o alla malinconia, o se sforzarmi di essere positivo, come mi diceva qualcuno, e non negativo, come dicevano altri, o se solo questa è malinconia o stanchezza, i caffè, tre o quattro al giorno, che non aiutano a svegliarmi, la non voglia di parlare con nessuno, di impegnarsi sul lavoro, solo perdersi nella musica e nei libri è quello che farei, senza pensare più a niente, a nessuno, forse solo a lei, ad Ana, senza sapere se la sto desiderando o se la malinconia mi sta invadendo, senza darmi la voglia di tornare da nessuna di quelle, soprattuto in questa settimana che era diventata troppo cerebrale, troppo schizzata e infine troppo malinconica, che ora come ora, se avessi ispirazione, mi perderei in un’ubriacatura senza fine, sotto la musica, se solo poi non mi sentissi male, e sono lì tra il cadere nella malinconia e la voglia di riprendermi, là dove però tre o quattro caffè non bastano più, e spero solo di non lavorare né oggi né domani, e che la Norvegia immaginaria dell’anima non mi invada, così come la Romania immaginaria dell’anima, che oramai non capisco più cosa voglia dire, e non so cosa starò dicendo domani, e non so più se sto credendo o no, se sto cercando di essere positivo o mi sto lasciando andare, e non ho neanche voglia di vedere gli amici, di dire cazzate e di scherzare, e la malinonia mi invade, e sognerei un lavoro dove avrei a che fare con libri e solo libri, cose da leggere, cose da scrivere, invece di stare in mezzo a quella gente piena di vita e di scherzi delle officine, o in mezzo a quella gente che vedevo ieri al Carrefour in coda alla cassa, giovani lavoratori pieni di energia che si davano alla birra e ai biscotti, io che non voglio più consumarli, dopo il troppo alcol con Alina o lo stare male, e Leida che mi diceva che era meglio se non bevevo, e la dieta, che mi metto a odiare la gente piena di energia e che si può permettere certe cose, e mi sento condannato e dannato, o forse l’ho solo scelto io, e forse vorrei essere come mi vorrebbe Eugenia, senza alcol, senza sigarette, con la dieta rigida, e la voglia di raccogliermi e lasciarmi andare alla malinconia, e non lavorare più per ciò che non ho studiato, e darmi a chissà che cosa, mentre ieri mi rileggevo vecchie parole di Leida, quando mi diceva che bisogna lavorare anche se il lavoro non piace, che il lavoro è importante, eppure non ho voglia, non ha senso lavorare se poi non ho il desiderio di esistere, di vivere, e mi struggo al pensiero di Ana, e non c’è energia, e dormirei, ascolterei la musica, leggerei e basta e non farei niente, e berrei trecento caffè per sentirmi più vivo ed energico, ma la malinconia mi invade, e non so che fare, e spero solo di liberarmi dalla visita di domani il più presto possibile, e riposare, e recuperare la voglia di vivere e lavorare e studiare e stare in mezzo agli altri e desiderare Ana o qualunque bella come lei, ed essere vivo, energico, e non malinconico, e non so più se sia il daimon dell’erotismo o qualche condizione psichiatrica, e non so più se è malinconia o desiderio o il daimon dell’erotismo, e mi lascerei andare, andare e andare, sperando di ritrovare l’energia e la voglia di vivere che sembra non esserci più, e attendo e attendo questo continuo alternarsi di vette energiche e abissi malinconici e sono stufo di star impazzendo e non capisco più, e non capisco più se è malinconia, desiderio o il daimon dell’erotismo…

Prosa Poetica, Sogni, Visioni

Watching the infinite flow of thoughts…

And I was in a plane headed to Moscow, where the passengers cabin was full of people sit on their place, but there was something strange about this plane, there was no separated cabin for the pilot, who was commanding the aircraft from a normal place where people sit. And there was turbulence, as always, as some woman said, the same typical turbulence you get when you travel to Moscow, and there were thunders and lightnings in the atmosphere, and the sky was darkened by the night. “You’ll never get to Russia!”, I said to the captain, and he answered: “Look at how wise you are, you never get to Russia! That’s wisdom, man!”, and he started to talk with some other old men beside him, gossiping about some pop artist while reading a magazine, and there was a change in the pilot some minutes after, when a woman took command of the plane, as if it were possible to have a change in the air, in that dream made of science fiction. And I looked at the sky full of tempest, and I wondered how impossible it was to get to that land of dreams, Russia, and I lost myself into thinking about all those years spent to master the language, constantly dreaming of getting to that land, but nevere getting there, and now, even in a dream, it was impossible to reach that country of imagination, and visions of my teachers and other colleagues who, on the contrary, were used to go there, blurred my visions while another teacher told me: “Don’t worry! It always gets some trouble to get to Russia, most of the time because of horrible weather…”… and I saw airports terminal stuffed with people, passengers that waited an half life time, like an odissey, to get to Russia, and it was like a metaphysical trip, through the foulest of weather, to cross the air border between the West and Russia, and I lost myself into those visions…

And I didn’t get there in the end, there was no Russia in that dream, there was only a blue sky full of thunders, and a vague dream of some Russian woman who instead finally reach her mysterious country, and I looked around me to find myself in a sort of garden in front of a school, where I sit under a tree trying to find a power socket to connect my smartphone and listen to some songs, and I don’t know how there was a socket hidden in the trunk of that tree, and I lied there, under the tree, in front of a school, listening to some songs, and wondering how sooner or later my colleagues would enter that school early in the morning, to attend their lessons, and I was like an outsider, a man who attended school without getting stained by people and teachings that haunted that place, and I could take a step aside all that environment, where I felt I didn’t belong at all.

And then the vision changed again, I was trying to sing some absurd song, some black metal songs, in that kind of singing which was screaming and growling, and I tried to uttere some “Beautiful witch! Beautiful witch in the nightsky!” sung once by some favourite metal metal bands of mine, and I saw them, beyond the door of the corridor of the school, my favourite singers, who tried to teach me the secret of screaming and howling in the black of the night, and I kind of worshipped those long haired artists always dressed in black leather, and it was like an initiation towards a world which contained no hypnotic pop songs, no hypnotic singing that drives you in a land full of enchantment and wonder, where your brain doesn’t work anymore, utterly taken away by melodious songs and singing, like a thousand and one nights, while in that dream everything was made to wake me up from the slumber of reason and the hypnosis of pop songs, and I did wake up, in the end, with a vision of my adolescence, when those black metal artists were like my personal prophets, with remnants of their songs and screaming resounding in me…

And I woke up, still thinking about that dream, wanting to put it down on paper, and I disciplined myself to get back to that time where dreams were my constant preoccupation, as if I could find in them some transcendent meaning of my mind, but it wasn’t like that anymore, I just savoured the beauty of those dreams and I disciplined myself not to fall into that bad habit of creating some inner speech towards a deity which I don’t believe anymore, and I only looked into myself to find the right voice in me, the right vision, trying to understand what was happening in my mind, which I now feel is getting free from some bad ways of thinking… and I could swap all my thoughts into English, and I could say stop to automatic readings, to a lot of automatic bad habits that made everyday equal to any others, in a sort of hellish routine which couldn’t liberate me from obsessive thoughts and reasoning… and I just drank my coffee in the kitchen, a Nescafé, and then I got my espresso in the office, and I could wait to go to the bar to buy cigarettes, I still have all the time of the world, and I kind of put into practice that teaching that popped up in my mind yesterday: “Take your time and don’t hurry, you still have all the time of the world, and do as if the world and the things around you didn’t exist, just free your mind from old habits…”… and it worked, I was no more a slave of books, of the internet, of languages, of talismans and objects, I was no more a slave of a kind of yogi practice, which I thought could save me just by repeating over and over again the same mantra, the same gestures, the same old words to utter to a deity I don’t even know, and words and images in my mind started to change, and I had a different vision of time, of the day, of everything, and I was filled with imagination, and words, that now found all their time and space to live, without feeling pressed anymore by I don’t know what… and I still have all the time of the world, that I could shut down this portal of worlds, that I could spend my day doing completely nothing, just staring into the void inside and outside me, without getting distracted by every electrical pulse in my mind, driving me insane and crazy, and I could stay here all the day, watching the infinite flow of thoughts, doing nothing and contemplating all the time of the world…

Pensieri liberi, Prosa Poetica, Riflessioni, Visioni

Là dove la divinità non c’è più e c’è solo il desiderio, il piacere e la libertà…

Basta, non ce la facevo più, quei pensieri pseudo-teologici, che si confondevano con la fiction di tutte le divinità, Shiva, il distruttore dei mondi, e JHWH, i nomi divini, la trimurti tra creazione, conservazione e distruzione, non ce la facevo più a leggere in inglese quei racconti fantascientifici, mi buttavo giù, sul letto, mezzo sfatto da pensieri mezzi depressivi, e ascoltavo il silenzio… il silenzio e l’eterno errare dei pensieri tra tutte le divinità, là dove oggi chiamare mio fratello e fare qualcosa per gli altri, per i nipoti, non salvava, dava solo più pensieri, e mi perdevo, come mi perdevo nel primo pomeriggio in immagini succinte di ragazzine russe che ricordavano Katia, e dai pensieri del silenzio risorgeva l’immagine e l’eccitazione della ragazza romena senza nome… basta! Basta con quei pensieri religiosi che vanno in tilt, e aveva ragione Benito, è sempre la religione a fare casino, e mi immergevo nel desiderio e nel ricordo della romena senza nome, nel piacere infinito, e decidevo che non era tempo per riflettere e per leggere, ma avevo proprio bisogno di una di quelle, per lavarmi dall’ultimo ricordo di Leida, dall’ultima evocazione… e andavo a vedere se c’erano dei soldi in ufficio, e c’erano quei soldi che bastavano per comprarsi la notte… e uscivo, stufo di quei pensieri, stufo, e andavo avanti indietro pensando di trovare la ragazzina magrolina di fianco a Isabela, che vedevo l’ultima volta, ma non c’era… non c’era Isabela, non c’era Ana, non c’era Estrella, non c’era Alina e neanche le negrette, a parte la negretta di fianco ad Ana, ma le altre non c’erano, segno che questo periodo è davvero un periodo morto… c’era solo lei, la romena anche lei senza nome, dai capelli mori, dal volto che mi ricordava Valentina M., e poco alla volta sorgeva il desiderio, la voglia, dopo che oggi stavo in biblioteca e nessuna ragazza di quelle mi suscitava desiderio, tra quei giovani universitari ancora pieni di sogni e alle prese con un tempo alternativo, che non corrisponde alla vita vera… e facevo avanti indietro nella notte, indeciso se fermarmi o no dalla sosia di Valentina M., e facevo avanti indietro, sempre più indeciso, fin quando la voglia non mi prendeva, di toccarla, di godere con lei… e alla fine la caricavo, mi fermavo da lei e le dicevo le solite parole, e godevo del suo corpo, delle sue gambe, del suo fondoschiena, dei suoi seni che dicevano che erano piccoli, ma andavano bene lo stesso, su quel maglione bianco sui fuseaux neri, che esaltavano le curve delle sue gambe, e mi perdevo nel suo volto, di una Valentina M. ormai sui trent’anni, e godevo di quel suo servirmi con la bocca e con le labbra che tutti i pensieri in quel momento esplodevano per non tormentarmi più, in quel momento di puro godimento, voluttà e orgasmo… e godevo e godevo, di una goduria trash ma al tempo stesso estasiante, con quella sua bellezza rubata ai ricordi e alle somiglianze di una ragazza che non vedo più da decenni, e quel desiderio si realizzava e liberava la notte che non aveva più bisogno di preghiere, ma solo di bestemmie che sapessero di puttane, e liberavo tutti i pensieri, e me stesso, libero anche dal pensiero di Ana, che non c’è niente e nessuno a cui rimanere fedele, e la libertà nella sua forma più pura si manifestava, senza mistificazioni nate da internet e da quella stanza che comprime troppe idee e troppi pensieri, ed era una liberazione fumarsi una sigaretta dopo il godimento, dopo la liberazione, e accorgersi del mio essere troppo spesso rinchiuso in quella stanza, che non ce la fa più a sopportare le mie elucubrazioni e le mie divagazioni sotto forma di meccanismi di difesa religiosi che non stanno in piedi, e dovevo proprio arrendermi al mio ateismo, alla mia ricerca di piacere, al mio arrendermi di fronte a quei libri e quei testi di filosofia della religione che non hanno alcun senso, e rendermi conto della mia libertà, del mio ateismo, della mia visione liberalista del mondo, e non farmi più lavaggi del cervello nati da una stanza e da un monitor, da dei libri che fanno male, e liberarmi, liberarmi come mi libero ora con la musica e con l’alcol, e smetterla di far finta di credere, di inventarmi sistemi filosofici, sensi del mondo tra deliri e mistificazioni mistiche, là dove la divinità non c’è più e c’è solo il desiderio, il piacere e la libertà…

Ispirazioni, Prosa Poetica, Ricordi, Visioni

Sempre avanti nell’ispirazione infinita…

Risveglio giusto, senza troppi pensieri, là dove la musica ieri notte aveva il suo corso, fino a non smuovermi più, riprendere la vita di sempre, con la giusta stabilità, il corso del tempo che non è finito, non è iniziato, prosegue semplicemente il suo corso, come se non ci fosse stato nessun capodanno, far sfumare la percezione del tempo in nome della continuità e della stabilità… riprendere come sempre a raccogliersi, prendere come sempre i soldi la mattina per le varie commissioni, andare dal benzinaio, che aveva finito la benzina e stava arrivando il camion a caricare nuova essenza, dover tornare, pagare cinque euro e andare… da Benito, senza che le sue bestemmie mi facessero più male, ricordare Leida e il suo incantesimo, che svelava il significato mistico di tutte le bestemmie, là da Benito che non c’era un cane stamattina, alle nove, strano, mi dicevo, scambiare due parole con lui, senza dar troppo peso alle immagini di politica italiana sparse qua e là, e fregarsene se il bar dei cinesi non ha ancora riaperto, e non si sa quando riaprirà, e non so neanch’io quando ci tornerò… due parole, né di più, né di meno, un salto al bar come tanti, là dove molta gente fa discorsi come quelli che sento sul lavoro, politica italiana, le solite bestemmie, i soliti discorsi da bar all’italiana… essere quasi d’assetto lavorativo, se non avessi deciso di prendermi una vacanza di una settimana, dopo la terribile e mistica settimana scorsa con la febbre a 39, dove mi veniva in mente tutta la mistica del mondo, tutto lo scibile umano, pensieri davvero febbrili che vanno solo superati, e ricordarsi che questa settimana ho già i miei due libri con cui tenermi impegnato, Batman Apollo e Genocidal Organ, e due libri bastano e avanzano, senza bisogno di inventarsi nuovi libri da cercare in biblioteca, senza rompersi le scatole a scappare per forza in biblioteca… l’immagine di Inna nella stanza che avrebbe bisogno di più colore, un rosso più acceso, che però non mi posso permettere finché non avrò i soldi per cambiare o far ricaricare la cartuccia, farsi venire quasi la voglia di lavorare per avere un po’ più soldi disponibili, ma mi sa che questa settimana riposerò… dover chiamare mio fratello per mettersi d’accordo sul 6 di gennaio o non si sa quando, quando i ragazzi verranno a ritirare il loro gioco, quando si starà ancora un po’ assieme, e se ieri era giornata di Barresi, oggi sarà giornata di mio fratello, due parole al telefono, niente di più… passare al Carrefour e scambiare due parole con Lieta, quella ragazza che mi ha sempre ricordato Xhuliana, lei che stava lì a mettere a posto la roba nel banco frigo, due parole se si poteva spostare che dovevo prendere gli yogurt, aspetta, mi diceva, e poi se ne andava e mi diceva di chiudere, va bene, e andavo avanti a fare la mia spesa, pensando un po’ a Lieta, un po’ a Xhuliana, e il desiderio e il ricordo erotico si mischiavano, dandomi quella giusta sensazione erotica che ti fa sentire vivo, fantasie e ricordi, alla luce del giorno, che l’energia erotica non è per niente finita, ed è ancora libera… passare per la cassa e pagare, con in mente solo Lieta e Xhuliana, e fermarsi poi nel parcheggio del Carrefour a fumarmi una sigaretta, alla luce del sole di questo febbraio, quel sole piacevole che non dà fastidio a nessuno, pieno del ricordo di Xhuliana e del desiderio di Lieta, pensando che in fondo mi basterà aspettare ancora un po’ e Ana tornerà quando sarà il momento… e mi passava davanti Herzl che si fumava anche lui una sigaretta, stava andando probabilmente al lavoro, e mi ricordava di quella stupida e impazzita notte quando cercavo Manuela e chiedevo di lei a lui, quando ancora non sapevo che tutto l’incantesimo era dovuto a Leida, ricordi che passavano, erotismo che si mischiava al vissuto, desideri e ricordi, modi di sentire… finire la mia sigaretta e riprendere la macchina e andare dal benzinaio, a fare altri 15 euro di benzina, là dove si era fermato perché la benzina del distributore era finita… e finire così anche quasi i soldi, che mi rimangono solo quelli per le sigarette domani, e già pensare ai prossimi soldi da spendere, che quasi mi viene da chiamare il negozio delle cartucce, e sarà la prossima cosa che farò in effetti, per avere un’idea del prezzo, per capire quanto dovrò spendere, se hanno disponibile quella cartuccia, e già pensare ai prossimi soldi da spendere, senza ritegno, altro che moderazione! Qua si spende e si spande senza ritegno, e me ne frego… e così comincia la giornata, con tutte le sue buone premesse, e non c’è più molto da pensare, forse solo ad Ana quando tornerà, forse alle uscite con Barresi e Fizi, forse alle giornate sul lavoro, all’incontro con il dottore, al tempo libero fatto di letture, alle prossime rivelazioni e ai prossimi cambi d’umore, senza più assoluti da ricercare, ma questa vita in continuo cambiamento e divenire, con il mio giusto orientamento spirituale ed erotico ritrovato, senza eccessi, la mia voglia di vivere anche in mezzo a gente che non mi va giù al cento per cento, ma così è la vita, e ora pensare alle cose più pratiche, capire davvero quanto costa quella cartuccia, chiamare mio fratello, occupare la giornata, riposare ancora un po’ e poi avanti, sempre avanti nell’ispirazione infinita…

Ispirazioni, Pensieri liberi, Prosa Poetica, Ricordi, Visioni

Finché lo slancio vitale saprà di un sogno erotico pieno di fascino e di mistero… 

karolina

Con il ricordo, con il ricordo del 2008, cominciava questo 2018, il ricordo del desiderio per Amalia, dieci anni fa, il suo vestito sexy rosso e nero, le sue labbra, i suoi lunghi capelli biondi, la sua lingua russa che allora non conoscevo e sognavo soltanto di conoscere, un sogno da Galaxy Express 999, la ragazza russa dei miei sogni, un sogno siberiano, fatto di freddo e di erotismo, e mi perdevo ieri notte nelle immagini di succinte ragazze russe come si devono su VK, il desiderio, di nuovo quel desiderio che riportava alla mente tutto il fascino di quel paese, di quelle sue ragazze, che il sogno russo poteva rinascere… non più la noiosa Marina, ragazza russa sui generis, non corrispondente a quelle dei miei sogni, un luogo, un mondo, una distanza e uno spazio dove far crescere i sogni, la bellezza inarrivabile delle ragazze russe, di quelle ragazze russe come spie dell’unione sovietica, affascinanti e inarrivabili, misteriose, come Amalia, quel sogno fatto di mistero e di erotismo, un sogno senza confini che ritornava a esistere… e passavamo la serata in compagni di Stas, Larisa e Dmitrij, parlando anche del capodanno vecchio secondo il calendario giuliano, quel 14 gennaio che segna il vecchio calendario, insieme al Natale ortodosso, il 7 gennaio, ed era piacevole stare in loro compagnia, che mi venivano in mente anche i capodanni passati, con gli amici, in casa di amici, con Fizi, Barre, Luca, Paolo, Mauro, Valeria, quei diversi capodanni passati, quando ancora c’era comunanza tra noi amici, quando ancora si sentiva quel calore che negli anni è venuto meno, e mi veniva in mente anche quel capodanno quando andavo da solo in piazza Duomo a Milano, a sentire sparare i botti, a vedere la gente ubriacarsi, al freddo, quella notte che tornavo a piedi da Milano, passando per la via che ospitava Amalia, quando la desideravo e la sognavo per la prima volta, e in quel capodanno del 2008 desideravo lei, più di ogni altra cosa, e mi decidevo a lasciar liberi i miei sogni, i miei desideri per quelle ragazze, aprendo così un’epoca, quel 2008 che avrebbe dovuto portare fortuna, come vuole tradizione cinese che il numero 8 porta fortuna, un numero che sa di arrichirsi per loro, un numero che per me segnava come l’epoca del padre, 8, bà, padre, mentre sarebbe stato un anno pieno di erotismo e di follia, quella giusta follia che apre l’erotismo e l’amore, come quei due baci, ad Amalia e a Katia, tutto l’erotismo e la follia di quell’anno che ritornavano come un ricordo del desiderio ieri notte, sopratutto quando Larisa e Stas si allontanavano, dopo aver brindato assieme, nella loro alcova… un sogno russo di pieno erotismo, che le immagini di VK ridavano quel desiderio che si era perso per colpa di Marina, incapace di risvegliare alcun desiderio in me, e il ricordo di Amalia e delle ragazze russe pieno di mistero e affascinanti ritornava a me… e che sollievo sapere che dopo dieci anni finalmente quella lingua russa l’ho fatta mia, e che quel sogno pieno di desiderio e di mistero poteva ritornare… e ricominciava il tempo, ristabilendo l’ordine di una volta, non più apocalittici pensieri dell’ultimo giorno, non più raccoglimenti per cercare il senso e la ragione in me, ma la volontà di fare a meno, di vivere come una persona normale, piena del desiderio del mistero delle ragazze giuste, quelle che sviano, quelle che fanno sognare, quelle che fanno impazzire, come ai tempi di Amalia, e il sogno sapeva di lei, e di quella musica oppiacea anni ’90 delle canzoni da discoteca russe, come quelle melodie ipnotiche e affascinanti di Karolina, che Marina non poteva liquidare così, con i suoi sogni senza mistero e fascino, i suoi ideali tutti terreni, quella mancanza di mistica dell’amore e dell’erotismo, quella sua piattitudine e normalità che non evocano nessun desiderio e nient’altro che noia, senza un minimo di fascino, e la Russia poteva essere ristabilita, anche al di là di Alina, nel ricordo di quel desiderio pieno di fascino e mistero che era Amalia… sognavo così il primo dell’anno, che mi risvegliavo come se avessi ritrovato una parte di me stesso che pensavo perduta, quel giusto sentire pieno di mistica dell’amore che avvolge tutto, e che non mi faceva più raccogliere, pensare, riflettere, farmi perdere in pensieri settari come quei giorni e quei mesi insieme con gli avventisti, e anche risentire Eugenia gli ultimi dell’anno sapeva ancora di quella mistica dell’amore che provavo ai tempi dell’università, prima che lei diventasse tutta discorsi avventisti, e le sue ultime parole dell’anno erano invece quelle di una ragazza normale, piena anche lei di fascino, che mi faceva piacere sentire lei e sentire al contempo Rudina, che con il loro fascino dell’Est in qualche modo si ricollegavano alla mistica di Amalia di allora ritrovata oggi… e non mi andrà più di vivere una vita senza mistero, senza mistica dell’amore, senza fascino, una vita tutta studiata, piena di riflessioni asettiche e a volte paranoiche, piena di tecnicismi e scientismi, che non possono sfiorare le vette del pensiero mistico e poetico che tutto avvolge, e recupero questa parte di me, piena di fantasie e suggestioni, di desideri, di giusta mistica dell’amore e d’erotismo, che ritrovo finalmente me, dopo che si era perso in troppe riflessioni, in troppi realismi, in troppi calcoli, in troppe visioni pessimistiche e oscure senza alcuno slancio verso il mondo dei sogni, e recuperavo così l’inizio, il desiderio pieno di fascino e di mistero di quell’anno 2008 dove tutto cominciava… si scardinava il tempo e la dimensione dei desideri, che non ascolto più il vociare di altre voci che mi riporterebbero terra terra, senza desideri, senza fantasie, senza misteri e seduzioni, e vivo così questa mattinata del primo dell’anno, tra il giusto freddo dicembrino e una convalescenza ormai portata a termine, che si crogiola invece in quest’atmosfera invernale, nell’attesa che la mistica dell’amore possa ancora risvegliarsi, e se c’è un desiderio vero per quest’anno e per sempre è quella di non perdere di nuovo la mistica dell’amore, là dove ragazze con Marina avevano portato aridità, solo per far rinascere il fascino in ragazze come Ana, o come la romena senza nome, o come l’affascinante Leida, più sovietica lei a volte e più russa lei di tutte le russe e le ragazze dell’Est, con quel suo fascino sperduto, che rievocava Amalia in queste notti, insieme con il ricordo sperduto di Hana, la prima ragazza ceca, aprente l’erotismo più di dieci anni fa, indicandomi la via della mistica dell’erotismo, che ritornava in questi giorni, insieme a fantasie che si lanciavano sul volto e sul corpo di quella prof giovane bionda, la prof bionda ucraina di russo, e tutte queste ragazze dell’Est e il loro fascino sapevano ancora di magia, dopo che la magia non sapevo più dove si era persa, persa forse nella debolezza e nella stanchezza a volte piena di morte di certi pensieri religiosi e falsamente spirituali, senza slancio vitale, senza slancio erotico… e quel sogno russo può rinascere ancora, dopo che era stato spazzato via da non so cosa, da non so chi, un sogno pieno di fascino e di mistero, che mi accompagnerà ancora come infinita ispirazione, là dove tutte le ragazze degli ultimi dieci anni mi hanno condotto, al di là delle pagine perse, con il sogno e desiderio primigenio di un’Amalia che non morirà mai nel suo fascino dei ricordi, insieme con Katia e tutte le altre… e ritrovo il desiderio e l’energia che pensavo perdute, ritrovo il sogno originario, e la voglia di cominiciare così quest’anno e continuare così, senza più stranezze, senza più intrichi dell’anima, in tutta libertà e in tutto il sogno e in tutta l’ispirazione che sembrava perduta, là dove il sogno dell’Est questa volta si lega anche a lingue non solo russe, ma anche tedesche e albanesi, romene, insieme alle altre, come un sogno fatto di desideri e di mistero, che nessuno mi potrà mai togliere, nonostante le loro parole che non sanno di niente, che sanno solo di piattume, di normalità, di assenza di mistero e fascino e seduzione, e quest’anno può cominciare con i giusti sogni, con la giusta musica, con la giusta melodia seducente dell’anima e non ci sarà nessuna divinità, nessuna politica, nessun pensiero che orizzontalizza tutto a fermarmi, finché lo slancio vitale saprà di un sogno erotico pieno di fascino e di mistero… 

Ispirazioni, Prosa Poetica, Visioni

Questo amore inspiegabile…

שיכורים מאהבה, shikhorim me ahavah, drunk with love… e per fortuna c’è la musica israeliana mizrahi in questa vigilia di natale iniziata con un giro al Carrefour per comprare le sigarette e bersi un caffè al centro commerciale e ascoltare musica e musica guardando verso il sole che sorgeva alle nove di mattina in questo inverno pieno di oscurità che mi dava ancora la luce nella musica orientale, questo amore inspiegabile verso le sonorità dell’Est, questo amore inspiegabile… musica su musica in quei 16 giga che riempiono ora il cellulare di musica infinita, anche quando dopo andavo con mio padre all’Alta Sfera a fare la spesa di Natale e vedevo quella giovane cassiera che proprio cassiera non era, visto che stava lì solo a controllare il prezzo finale della merce aiutata da quella che segnava il codice a barre, una bellezza strana, come questa cantante israeliana, Eden ben Zaken, dai capelli biondi e dal viso pieno di luce ma dai tratti di certo non da modella, eppure tutta la bellezza era là, che si rifletteva in quella giovane dal nome Aida, come quell’altra ragazza albanese di una volta, e forse albanese lo era anche lei, la sosia di Eden ben Zaken, e chissà perché ogni amore nasce sempre da una somiglianza, da una strana somiglianza di qualche ragazza con qualche altra ragazza, come lo era per Alina, simile a Nadia, come era per Leida, simile a Sarit Hadad, come è per Ana, simile a Inna, e così a perdersi all’infinito, in una bellezza che rimanda ad un’altra, e se qualcuno scriveva che l’amore nasce da una metafora a me a viene da dire che l’amore nasce da una somiglianza… e mi rilassavo, mi rilassavo nel dopo pranzo a riposare, facendo la mia camminata di sempre, ascoltando ancora musica, quella musica raggaeton che piaceva ad Ana, quella musica dai testi a volte un po’ spinti, dalla musica e dalle note orecchiabili, e che passo di qualità dai tempi dove ascoltavo musica black metal, a queste sonorità piene di vita e di amore, anche adesso che il desiderio è spento e più che desiderare sogna, sogna quando tornerà Ana, forse un giorno, non si sa quando… ed ero un po’ distrutto, dopo pranzo, da questo girare di negozi e supermercati, che sentivo lo stress delle compere, e forse ancora lo stress del lavoro che non mi ha ancora lasciato, e solo nel pomeriggio trovavo una ragione d’essere alla giornata che altrimenti sarebbe marcita… trovavo una ragione d’essere nel libro di Galimberti sul cristianesimo e mi sembrava di recuperare una parte di me stesso, con quel sentimento della promessa e del futuro, dell’avvenire, che non poteva esserci migliore combinazione di attendere l’avvenire e insieme sognare una ragazza e ascoltare alla vigilia di natale musica israeliana che l’amore sacro e l’amore profano vengono a incontrarsi e mescolarsi per dare una quiete e una sensazione di piacere mai sentita che mi accompagnerà ancora per giorni, per mesi, per tanto tempo, là dove il tempo non finisce a Natale, e neanche a Capodanno, e neppure a gennaio il giorno del mio compleanno, e neppure a febbraio quando torna Ana, ma non si sa quando finisce, come l’attesa di un giorno finale, un’escatologia infinita che non si sa quando si compierà, e l’attesa, la promessa, l’attesa e il fondersi dell’amore profano con quello sacro si manifesta in me per ripulirmi da pensieri e paranoie e ipocondrie senza alcun fondamento e mi sento alato nel liberarmi in queste sonorità orientali che mi infondono l’anima di nuovo… e poi il pomeriggio, a compendio delle letture sul cristianesimo doveva anche chiamarmi Stas che era insieme con Larisa e Dmitrij all’Esselunga a comprare i pellet e a fare la spesa e dovevo andare a prenderli in macchina al paesino qua vicino per caricare la merce… e si parlava con Larisa di come loro festeggino il 7 gennaio il Natale e non il 25 come da noi o anche in Romania, come quando parlavo con Ana, e si parlava così, del più e del meno, di come forse, dopo le vacanze di Natale, sentiranno ancora quelli delle case popolari, se gliel’assegnano alla fine una casa popolare, e di come fa freddo a volte lì da noi in mansarda, dove la stufa a pellet fa quello che può, e mi sentivo in pace con me stesso, anche prima di vedere loro, a vedere tutta quella gente andare e venire nel supermercato, come stamattina, ma con quel senso di tranquillità che la mattina non trovavo, stressato dalle compere, e non c’era salvezza migliore che recuperare quella parte di me stesso che sa attendere, che crede nell’amore, un amore che si confonde tra sacro e profano, che sa sia di eros che di agapè, senza bestemmiare contro lo spirito, senza ripudiare la carne, senza condannare la sensualità, ma dandosi il giusto tempo che serve per non essere schiavo di pulsioni, con l’idea che la sessualità non è un divieto ma neanche un obbligo, e che non c’è meglio al mondo di andare d’accordo con tutti e dove c’è odio e incomprensione ricordarsi sempre della divinità che tutto sopporta con pazienza… e non c’è giorno migliore di questo per darsi ancora ad altra musica israeliana, ritrovando quella luce di cui Hanukkah dice nel periodo più buio dell’anno, e la luce la ritrovavo in questo amore incomprensibile per la musica orientale, per le ragazze, per l’attesa futura, che recupero quella parte di me stesso che negavo quando tornavo dalla Repubblica Ceca dove tutti quegli amici si dicevano non religiosi e mi lasciavano imitarli solo per perdermi nel regno assoluto dei piaceri e della sensualità che avrebbe visto quelle relazioni con Xhuliana, e poi Alina e poi Leida, mentre qui c’è solo da recuperare quell’amore inspiegabile che era degenerato fin troppo con Leida… e la poesia, ritrovare la poesia, l’elogio della poesia e della promessa e dell’attesa e della musica e dell’amore in quelle belle pagine di quei libri che mi danno ancora la voglia di credere nell’umanità, là dove troppi giorni a contatto con gente di officine e gente materialista e meccanica, tecnica, mi fa perdere il senso del tutto, e che piacere ritornare nelle braccia dei libri, della musica, dell’attesa, della promessa, dell’amore, di gente normale, di ragazze e donne e non più solo tra il ferro degli strumenti e dei macchinari… e mi perderei ancora, mi perderei ancora alla ricerca della canzone più orientale che ci sia, del canto più orientale che ci sia, in questo amore inspiegabile che va verso oriente, e qui nasce ancora la poesia, e la voglia di cantare, e di sognare, e di attendere quell’amore che se anche non c’è è presente nella musica e nel canto e nella bellezza femminile, senza divieti sensuali, ma anche senza forzature erotiche, e mi perdo così, mi perdo così, in questo amore inspiegabile…