Descrizioni, Prosa Poetica

Sono stufo di sognare ad occhi aperti…

Madò, che nottata ieri, la voglia di rivedere Leida, ancora, la febbre per i soldi, per il lavoro, tutta la scarica d’energia che andava avanti troppo, io che giravo di qua e la notte, nell’abitazione, per trovare le mie chiavi e i soldi, troppo stanco e troppo eccitato per tornare già da Leida, meglio così, non essere andati, ci sarà un’altra giornata, come diceva quella volta Alina, “Vieni qui un altro giorno”, i pensieri per Marina che sparivano, anche per Manuela, ritrovare la razionalità, pensare che forse sarebbe bello uscire con Marina una qualche sera, in macchina, in qualche pub, parlare, fare qualcosa in macchina, ovviamente, come tutte le coppiette di questo mondo, ma poi ricordarsi che con Marina non si riesce a parlare liberamente, c’è ancora troppo ghiaccio, la barriera linguistica, e lasciar perdere quei pensieri che venivano fuori durante la camminata… fare la camminata e poi trovarsi di notte ad abbuffarsi, stando attento alla dieta, trasgressione che mi dà ancora più forza per rimettermi a dieta stretta sul serio, ora che stamattina per fortuna non ho neanche fame… recuperare i soldi la mattina, per le sigarette, il caffè, il salto al Carrefour passando da Marco Herzl, scalare i punti, non fatemi venire la febbre della cassa, non mi devo emozionare così, altrimenti salta il motel, salta il lavoro, cerchiamo di rimanere più rilassati, pur con tutta l’energia che Leida mi ha dato, lasciar perdere strane trinità o triadi di Marina, Manuela e Leida, lasciarle perdere, senza più il rincoglionimento di tutta quella musica ascoltata la sera, musica che non ascoltavo, senza raccontare più la mia giornata a Marina, sai quanto gliene frega, senza bisogno di sfogarmi con Leida, senza bisogno di istanti magici in quei tre secondi alla cassa con Manuela, senza bisogno di perdersi in languori e sogni ad occhi aperti di giorno, tra libri, lingue e altro, telefonare il CD per sbaglio, quando invece dovevo telefonare il CPS, per ordinare le medicine, chi se ne frega, sentire Giuseppe, salutarlo, salutare Maria Teresa, ora come ora ho solo voglia di lavorare e di fare i soldi, aspettare questa giornata di riposo, senza lavoro, con gli altri in fiera, per cercare di vivere una giornata più normale, senza incanti di musica e altro, forse solo una lettura curiosa a Emilio Praga, una sorta di Beaudelaire italiano dell’800, non rincoglioniamoci troppo con notizie in chissà quali lingue, lingue che portano tutte il nome di Leida, e la lingua russa che forse, una volta per tutte, si disperde, insieme a quella inglese, non parlatemi più di lingue da parlare e call center e customer service, non parlatemi più di Facebook, lasciamo perdere simili stronzate, voglio solo lavorare, fare i soldi, divertirmi con Leida o con quelle, essere attivo ed energico, non sognare più, non inlanguidirmi più, se non nelle nottate, forse, dopo essere stato con Leida o Anna, non mi va più di emozionarmi, di farmi prendere da strane febbri, voglio anche risparmiare qualcosa, mettere da parte qualcosa, e se con Marina non va, tanto meglio, tanto di guadagnato, non provavo e non provo niente per lei, in questo momento, aspettare il fine giornata per andare al CPS a prendere le medicine, rimettermi in pista con la dieta ferrea, senza pensarci troppo, giornata così, che quasi quasi era meglio andare in fiera, se solo poi non mi avesse annoiato a morte, tra la strada, il caldo della fiera, le altre assistenze da fare, chi se ne frega, lavorare e lavorare, quando avrò i soldi per Leida, a casaccio, andrò, senza voler fare tutto perfetto, senza farmi venire la febbre, lasciar perdere Marina, se vuole, sarà lei a chiamare, a farsi sentire, anche se tra una decina di giorni andrà poi in Russia, fatti suoi… e spero solo di non rincoglionirmi troppo con i libri quest’oggi, con le troppe letture, i troppi pensieri, la visita che sarà tra una ventina di giorni, che mi importa, dover passare a ritirare la ricetta, che mi importa, non addormentarsi più, non sognare più ad occhi aperti, essere attivo e sveglio, le parole di Leida, sui soldi, altro che monaco e cristianesimo, altro che rinuncia, la competizione, lottare, stare in piedi, non sognare più ad occhi aperti, guadagnare, lavorare, e negli attimi di pausa leggere qualcosa, informarsi, smettere di frequentare amicizie un po’ strambe, malaticce, non sognare più ad occhi aperti, l’energia, l’energia, l’energia, che solo Leida mi può dare, sono stufo dei sogni ad occhi aperti, della fantasia, della febbre e delle emozioni negative, più forte, più vivo, più deciso, sono stufo di sognare ad occhi aperti…

Advertisements
Descrizioni, Riflessioni, Sogni

Про сни и фильмы…

Ну, и что? Деньги есть, вот что важно, надо только ждать до 13 и потом уйти и поехать на поезде в Милан, чтобы встретиться с Мариной… я уже не думаю о вчерашнего дня, когда я был в супермаркете и стеснялся из-за Мануэлы перед Герцлом и Джулио, я уже про всё это забыл, может потому что на русском стал думать… и я вчера только смотрел научно-фантастический фильм “Призрак в доспехах”, основан на японский комикс, и это был очень скучный фильм, очень медленный, и сюжет тоже было ничего особенного, просто эта девушка андроид теряла память и работала полейцистом для государвста, которое создала её для срецопераций, ну, и что, она всё время пробует найти её память, но никто не даёт ей вспомнить, пока она не встречается с другим андроидом, преступник, который ей говорить почти всю правду про существование этих андроидов, и мало по малу она начинает понимать откуда она, знает, что все её воспомнинаня неверны, и что она только создана для спецопераций против террористов, и всё… конечно фильм очень хороший в том, что касается сценария и установка, потому что весь мир в фильме придуман, и он похож на футуристический Токио, но если мы отбираем установку, сюжет очень бедный, как много других научно-фантастических фильмов, где ничего особенного не придумали… ну, всё, что я дальше делал вчера вечером? Я только помню, что не мог уснуть, не знаю почему, может я слишком долго спал днём, и мысли о Мануэле ещё мешали меня, но в конце ночи я уснул наконец-то, больше не думая о причинах, почему я в это посделнее время немного сходил с ума, и из-за Мануэлы и грили среди родственников, и Лейды, и Алины и всё, мне уже наплевать на всё это, лучше забыть! И жить дальше!

И только сегодня утром мне снился сон, где Марчелло показал мне его новый дом, около Милана, где он жил один, и мне говорил, что этот район был строен на воде, как искуственный остров, и мне показал все оборудования под земли, где были странные двигатели, похожи на те, что я всегда вижу на работе, и я стал ему всё обяснить, как будто, хотя бы во сне, я разбираюсь с техникой, и я сказал ему, что ему очень повезёт жить около Милана, где недалеко есть работа, и ему также повезло жить одним, а не с родителями, которые иногда, когда тебе 30 лет, только вмешиваются в твою жизнь, и не дают тебе жить спокойно, ну всё, был очень странный сон, также на всё, что касается культуры, потому что около нового дома Марчелло был анархический культурный центр, похож на те заброшенные здания, которые лево-экстремисты оккупируют, и я хотел войти в это здание, чтобы познакомится с лево-экстремистами, но они мне задали вопросы о политике, точно не знаю о том, но мне сказали грубо, что буржуазов как я не допускают, и мне было некуда идти, и просто бродил в этом периферическом и сером районе, где мне показалось, что жизни не было…

И что мне делать сейчас? Дождать до времени, в которое я должен уехать? Или что? Я мог бы всё время продолжать думать на русском, найти новые слова, новые выражения, пересматрывать другие грамматические правила, изложить в голове все фильмы, которые я смотрел на неделе, чтобы имееть что-то сказать Марине, но это было бы похож на экзамен, и я не хочу вспомнить эти бурные времена…

Ну, что же, иногда я думаю, что вёл себя как дурак там в супермаркете, что кассиры думают, что я ботан, который никогда не спросил у девушки гулять вместе, ну, что же мне делать если разум терял? Я ещё не могу понимать почему я сходил с ума из-за Мануэлы, из-за родственников на гриле дома, и лучше всё забыть, как я уже сказал, и подумать об этих встречах с Мариной, и всё наладится…

Я не стану писать об этих фильмах, которые она мне советовала на прошлой неделе, “30 свиданий” и “Голосы”, потому что очень трудно мне всё рассказать, я только попробую в голове сам сабой поговорить и найти слов, чтобы высказать своё мнение об этих фильмах, и наверное будет ещё что-то другое о чём, с ней разговарывать, и не надо всё предготовить, как на экзамене, и всё, у меня уже нечего писать, и закончу здесь…

Descrizioni, Sogni

И весь день подумаем на русском…

Наконец-то всё идёт хорошо, вчера я не работал и стал думать всё время, прежде чем смотреть «Вести» в Интернете и слушать все новости о России, но немного позже мне стало скучно, потому что все новости одинаковые и пришёл момент, где я больше не терпил смотреть эту ерунду, даже если язык был более живой чем этот сериал про Распутина… и так было, Марко и мой отел уехали, чтобы поробатать в техобслуживании, и я остался дома один, с матерю, как всегда, и что мне делать, я подумал, ничего не делай! И так и вышло, забывай об албанском, немецком и голландском языке, потому что они приносят только бред, и ты никогда не захочешь на них говорить! Я это подумал, и было очень странно постоянно думать о Марине, о русском языке, который я почти забыл после года без курсов в университете, но как уже сказала Алина, надо было его говорить, чтобы не забыл… а я сам по себе не говорил, а просто смотрел новости в Интернете, и когда пришло врема обеда я кушал и только подумал о том, что мне нужно было поспать… и я уснул, был глубокий сон, где все мечти текли во мне, и была тоже еротическая мечта, как я больше не думал, что у меня могло быть… я желал Анну, эту румынскую девушку, которую я последный раз не трахал, но захотел, эта молодая и очень сексуальная девушка, которая меня вчера разбуждала… и как сильно я захотел поспать и опять спать, только думая о ней, о её красоте, о том, как она мне опять дала желание секса, и с 12:00 до 15:00 я спал, думая о том, как мы с Мариной договорились увидеться в субботу, как она сказала, а не только вечером, но также днём, и меня это очень разлаблялось… и мне снились сни, где я всех девушек трахал и больше не боялся эту пачку сигарет, где было написано, что курение тебя убивает, и всю эту ерунду, и эта проклятая реклама о холестерине также не влияла отрицательно на меня, и я стал лучше, благодаря этим сообщеням с Мариной и этим снам… и что мне было делать? Ждать в складе эту срочную доставку, которая никогда не приезжает, и смотреть опять что-то в Интернете, а что? Меня новости уже заебались и тогда я решил смотреть случайно какой-то фильм на английском, и тогда я решил смотреть фильм ужаса… был очень странный фильм ужаса, где две лезбьянки женились, и новая семья была тревожная, все были одеты в чёрном и никто не разговарывал, и даже если разговарывал, только что-то странно сказали, например как они были прокляты из поколения в поколение, как будто они похожиые на ведьма Салема, и это был обычный американский и пуританский рассказ, но фильм был интересный и я радостью смотрел, был уже лучше чем все эти новости про Россию, где я только мог увидить убожество пространств России, и мне нужно было что-то другое… и день прошёл, перед экраном компьютера, где я ещё смотрел два разных фильма: «Молчащий холм» и «Тёмный город» до поздного вечера, после прогулки в 19 ч…

И мне снились сни, где Лэо приходил у меня дома, чтобы подарить мне фигуру Сон Гоку, и другие странные сни ещё были, которые я уже не помню, и как сильно я сонный в последное время, что я даже не узнаю себя, и как это странно весь день опять думать и по-русски и по-английски, как будто я опять в университете, или Марина всегда рядом со мной… но это уже лучше чем терять себя в новости по немецки или на другом странном языке, и сегодня тоже, как вчера, не работаю… работал только сегодня днём, вместе с Марко, мы обедали с отцом в ресторане, а потом они уехали и оставили меня дома, чтобы подождать экспересс-курьер в магазине, но я ещё не знаю, приедет ли он сегодня, и не знаю как тратить время…

Наверное я опять посмотрю немного новостей по-русски, стану думать на русском, чтобы подготовить себя к встрече с Мариной в субботу, и это мне уже даёт чувствовать себя лучше, потому что я уже не должен читать на других странных языках, и английский, итальянский и русский уже хватают… ну, что мне делать сейчас? Откроем «Вести» и посмотрим и весь день подумаем на русском…

Descrizioni, Ricordi, Riflessioni, Sogni

Ma intanto non si capisce più niente…

Manuela, Marina, Alina, non si capisce più niente, sentirla ieri sera, Marina, lei e i suoi film, “The voices”, black comedy che non mi è piaciuta molto, la storia di questo schizofrenico che parla con il gatto e con il cane e con le tipe che uccide, la storia di sua madre che parlava con gli angeli, lui mezzo matto, che quasi non uccide anche la sua psichiatra, film che finisce male, tutti morti, lui impazzito, black comedy che sapeva di tragedia e che mi ricordava troppo la mia sorte con psicofarmaci e mia madre ammalata, la proiezione che ha la gente su quelli un po’ malati come noi, considerati da tutti degli psicopatici pericolosi… mi divertivo anche a guardare il telefilm su Rasputin, fino ad un certo punto, dopo un po’ diventava noioso, anche se c’era la lingua russa, e la sera infatti guardavo l’altra commedia che mi aveva consigliato Marina, “30 Incontri”, commedia russa, melodramma simpatico, questa qua che vuol far ritornare il proprio ragazzo e trova su internet una maga che dice che servono trenta incontri con persone diverse, e poi, magicamente, il ragazzo ritorna, i 30 personaggi, uno più sbarellato dell’altro, i diversi modi di essere in amore e nelle relazioni, gente sfigata conosciuta su internet, come un po’ è stato così anche per noi, per me e Marina, se ‘sta storia continua, che non mi ricordavo neanche più che con Manuela mi ero imposto all’inizio di non sentirla, di non scambiarci messaggi e numeri, né niente, e che strano era stamattina parlare con il dottore di Manuela, Marina e Alina, tutte intrecciate, nell’ultimo periodo, insieme a quella grigliata in famiglia dove la presenza di mia madre mi dava fastidio… bamboccione, madre chioccia, senza lavoro, a 32 anni, con delle storie che si sono fatte solo sulla strada, tra Alina e la mia depressione per lei, che ricordo ancora sabato pomeriggio quanto sono stato male, e quando mai l’ho rivista venerdì sera, e quando mai sabato pomeriggio mi sono ubriacato di nuovo… ma è meglio se non ci penso, al lavoro, a mia madre, alle figure di merda con Manuela, per ora va bene così, sentirsi e vedersi ogni tanto con Marina, che adesso non so neanche quando la rivedrà, giovedì o sabato sera, credo sabato sera, o sabato pomeriggio e poi anche la sera, insomma, non in settimana che se si lavora è sempre un casino, ieri che poi ho lavorato solo la mattina, oggi che i due sono usciti assieme per fare le assistenze e mi hanno lasciato qui ad aspettare il corriere, che non posso neanche andare a fare un salto al Carrefour per comprare due robe, per bermi quel caffè alle macchinette… e che strano uscire e pensare a Marina senza provare quasi nessun desiderio erotico, desiderio erotico che nella notte si risvegliava, forse ancora per Leida, per Manuela, o per tutte e due, non si sa, una ragazza bionda, sulla quale scaricare tutta la passione che sembra essersi perduta in quest’ultimo periodo, che quasi mi dispiace aver buttato via quasi dieci anni di diario dove c’erano un po’ tutte, Andra, Katia, Amalia, Julia, Diana, Xhuliana, Alina, Leida, ma ormai è andata così e il blog diario di certo non avrebbe cambiato i fatti… che non so neanch’io quando sentire Marina, prima voglio essere sicuro di avere a disposizione i soldi, prima di invitarla chissà dove, chissà quando, e che strano stamattina parlare del dottore e sciorinare in mezz’ora tutte le storie dell’ultimo mese, tra la grigliata, Muhammad, mio fratello, i parenti, l’islam, l’Arabia Saudita, l’Iran, Manuela, Marina, Alina, il lavoro, i soldi, la lingua russa, che non si capisce più niente, e ora come ora vorrei solo essere tutto il tempo con Marina, per ridere e scherzare, per passare il tempo, ma non posso neanche sentirla ogni cinque minuti, in queste cose, all’inizio, meglio aspettare un po’, che non si capisce più niente, che non mi ricordo neanche più come si fa a scrivere, come si fa a leggere, cosa devo fare nel tempo libero, perché prima pensavo così tanto a quelle come Leida e Alina e adesso non mi va più di pensarci, che per il dottore questo è un buon segno, io invece ancora non lo so, visto che sono impegnato su questo fronte strano con Marina, che non si capisce se siamo amici o vogliamo qualcosa di più, che non lo sappiamo neanche noi… e mi sembra tutta una grande commedia, destinata come a finire in una risata, senza niente di che, e non si capisce davvero più niente, che non so più chi voglio, cosa voglio, chi sono, come ho fatto a finire in questa situazione, a 32 anni senza lavoro, mezzo malato di mente, ora quasi impotente, bamboccione che non sa neanche parlare la lingua sua preferita, il russo, quello studiato 5 anni e che si perde nelle infinite parole di Marina, e nelle mie che stentano ad uscire, che non si capisce più niente… e ora cosa farò? Guarderò ancora quella serie televisiva su Rasputin, per passare il tempo, non mi va di leggere, non mi va di studiare altre lingue, non mi va di fare un salto al Carrefour, o forse cercherò di dormire anche dopo questo caffè, che non capisco più la musica che vorrei, non ricordo più le parole che ho detto al dottore, che non so più neanch’io come è scattata questa cosa per Alina, Manuela e Marina, forse quella sera con quel pescelesso di uno che guardava Manuela e lei non diceva niente, e ho voluto fare anch’io la figura del pescelesso, per vedere come la gestivano, con le guardie che ti pigliano in giro, che adesso ogni volta che passo per il supermercato è un ricordo schiacciate, quasi da perderci la faccia, ma che me ne frega poi, se dopo tutto era un desiderio sincero come può succedere a tanti, e poi chi se ne frega, adesso c’è Marina, e lei non sa niente, ed è tutta una commedia, come dice lei sempre, e che strano passare da Alina l’altra sera e non desiderarla più, lei e le sue sfighe con quella figlia in Ucraina, quel suo lavoro da troia e da badante, che cosa ci vedevo in lei non lo so neanch’io, che mi faceva strano quando il dottore mi diceva che quel business con Manuela che volevo aprire, far finta che lei fosse la mia ragazza, era un business che potevo aprire anche con Alina, la pagavo e le dicevo di far finta di essere la mia ragazza, invece di fare sesso… che non si capisce più niente, altro che scrittore, altro che ragazzo innamorato e serio e grande, altro che studente e studioso, altro che lavoratore, altro che internazionale, sono così rimpicciolito, io e la mia casa e i miei studi e il mio lavoro, che per dieci anni mi sembra ora di non aver vissuto, non aver viaggiato, non aver voluto vivere, che mi sento rimpicciolito, piccolo e sciocco, un po’ scemo, senza vita, e l’unica cosa che mi tiene in piedi ancora è questa specie di storia con Marina, che non so più cosa farmene di quei discorsi con Barresi, Costanzo e Fisichella, che neanche il dottore sapeva che fare e mi diceva solo di vedere se ‘sta storia con Marina mi stabilizza o che cosa, che quasi per ripicca, ogni volta che mi dicono qualcosa, mi viene da fare tutto il contrario, che stasera tornerei da Manuela, non so neanch’io per dirle che cosa, stasera dove dovrò fare davvero il salto al Carrefour se in giornata non arriverà il corriere, che non mi riconosco più, ‘sta lingua russa che fa interferenza, non so più chi sono e cosa e chi voglio, che non si capisce più niente… neanche i sogni di stamattina con i miei nipoti, dove si giocava a basket all’infinito, correndo di qua e di là sul campo, e continuavo quasi a segnare tutte le volte, mentre i bambini mi correvano dietro, e mi svegliavo tardi, rincoglionito, verso le nove e mezza, senza sapere a chi e a cosa pensare, a Marina, a Manuela, al dottore, e mi rimaneva solo da andare al bar, lasciar perdere il salto al Carrefour che era ormai troppo tardi, e ora non si capisce più niente, non so cosa fare, vorrei solo dormire di nuovo, non pensare più a niente e a nessuno, trovare la pace, ma intanto non si capisce più niente…

Descrizioni, Sogni

E va bene così, leggero e contento…

Uà, e già ieri sera mi riprendevo, sotto la musica classica, rilassato, senza pensare più alle disgrazie di Alina, Leida e Anna… mi veniva quasi voglia di andare da una di loro, per godere, ma poi non bastavano i soldi per oggi, e magari quell’uscita mi avrebbe distratto dal tenere un atteggiamento normale, e avevo voglia un po’ di tutte, e un po’ di nessuna e così lasciavo perdere… dormivo in tranquillità, con degli strani sogni, che mi svegliavano due volte, mi sembrava di ricordarli, ma ora non li ricordo più, dei sogni davvero strani, e solo uno me ne viene in mente, quando ero in galera insieme a mio padre, in una cella dove c’era molta gente, molti giovani, in attesa che decidessero cosa fare di noi… e in un altro una insegnante di inglese raccontava di uno strano luogo a cavallo tra Francia e Inghilterra dove la gente parlava un inglese un po’ francesizzato, con una pronuncia tutta strana, e faceva vedere sulla cartina del mondo quel luogo pieno di laghi, un luogo inesistente, ma che nel sogno sembrava vero, e lei lo presentava come ad una trasmissione televisiva… c’erano poi sogni forse del maestro di karatè e di taekwondo, non ricordo molto bene, e un altro sogno che mi faceva sorridere come uno stupido, ma per fortuna non mi ricordo più… e che strano svegliarsi stamattina e sentirsi ancora più stupido, per quella storia con Manuela, per le mie paranoie di impotenza, per il mio atteggiamento di ieri ad ubriacarmi, per la mia paura di Marina quest’oggi, dove alla fine si è soltanto amici, amici quasi per caso, ancora neanche amici, non si sa, ed è meglio così, non pensiamoci troppo, e se vorrò quelle cose lì da lei per il momento mi basterà pensare che se la sera proprio ho voglia posso sempre tornare da quelle, senza troppi pensieri… e vorrei davvero smetterla di fumare, ma non ci riesco mai, e oggi non è la giornata più adatta, oggi che devo uscire con Marina, e sarà meglio fumare normalmente, almeno per oggi, e cominciare magari da domani a diminuire un po’, per avere la coscienza a posto… e che strano era stamattina andare al bar e vedere tre romeni, che per la prima volta non mi sembrava più tanto desiderabile quella lingua, quella gente, che quasi capivo il modo di pensare sbagliato che ha la gente nei loro confronti, considerandoli come dei criminali e dei poco di buono, e davvero quell’accento lì dava fastidio… sembrava l’accento di Stas, ma mi dava fastidio, e pensavo a come sarebbe stato più facile se oggi mi fossi visto con una italiana, avere la voce e le battute più pronte, come per Manuela, essere più allegro e più solare, più simpatico, mentre non so ancora cosa mi succederà oggi se parlerò o proverò a parlare in russo, ed è meglio non pensarci, al massimo, più tardi, leggerò qualcosa in quella lingua, per riscaldarmi un po’, ma non mi devo aspettare chissà che cosa da oggi, da Marina, dalla mostra, è solo un’uscita, forse la prima, forse già l’ultima, ed è tutto un allenamento alla fine, per delle uscite che saranno, per delle ragazze che magari mi faranno sentire meglio, per ora non è proprio così… e che palle pensare che già domani ci sarà da lavorare, ritornare al lavoro, e martedì andare alla visita dal dottore, che non so neanch’io cosa starò raccontando, cosa racconterò, cosa ce ne faremo della zyprexa, degli esami del sangue, della questione del rischio diabete, delle mie paranoie di impotenza, che se fosse per me quella visita con Saverio e le parole con Maria Teresa le eviterei… e mi accorgo così, mi ricordo, di essere un po’ malaticcio, e quindi questo mi aiuta a non montarmi la testa, ma allo stesso tempo a volte mi fa perdere tutta la sicurezza in me, ed è difficile a volte trovare la via di mezzo, che non so più neanch’io a che pensieri ed emozioni rifarmi… intanto lascio stare quelle preghiere all’iraniana, alla saudita, e penso invece ai libri che ho letto ultimamente, su Iran e Arabia Saudita e l’Isis, e inquadro il medio oriente, insieme ad Israele, non più dal punto di vista religioso, ma da quello politico, e la visione mediorentale dalle mille e una notte si dissolve così… e mi piace pensare all’uscita di oggi come ad un’uscita ai tempi dell’unione sovietica, un mondo abbastanza puritano, così, come degli amici, come dei compagni, e non confondo più Marina con le uscite invece con Katia di anni fa, con Amalia, con Julia, che adesso non avrei neanche voglia di rivedere, di fare quelle cose lì, e mi sento tranquillo in questo modo di essere che non ha più quasi voglia di porcate, forse dopo che Marina sospettava che io fossi un maniaco per tutte quelle foto su VK di ragazzine vestite succintamente, ed è questa forse la mia vergogna, insieme anche allo strano modo di comportarmi che ho avuto con Manuela, ma tutto questo mi è servito, sono passato attraverso fantasmi e demoni, e alla fine tutto si è risolto in modo giusto e scherzoso, come in una commedia… e non so cosa farò stamattina, cosa leggerò, cosa mi inventerò  per distrarmi ed occupare il tempo, e non mi va di star qui a scrivere troppo di me, dei miei pensieri, rischio di andare in tilt, di diventare egocentrico, e sono già troppe queste parole, e va bene così, leggero e contento…

Descrizioni, Prosa Poetica, Visioni

E che strani scherzi mi sta facendo questa cosa per Marina…

E non so neanch’io cosa mi succede in quest’ultimo periodo, tra Manuela e Marina non ci capisco più niente, come ieri, quando a pranzo mi chiamava Maria Teresa ma non avevo voglia di rispondere, e pensieri depressivi e maledizioni le lanciavo su di lei, per tutto il pomeriggio… era strano mettersi a leggere articoli in russo di politica internazionale, strano, ma piacevole, ed era ancora più strano eccitarsi di fronte ad una semplice foto del volto di Ivanka Trump… arrivava il pomeriggio tardi e cercavo di scacciare quei pensieri depressivi su Maria Teresa & Co. leggendo ancora, ma non avevo più voglia ad un certo punto… mi dicevo che dovevo sentire Marina, con la quale devo uscire domani, e che per tutta la settimana non l’avevo sentita, mentre mi ero perso per Manuela… non so, le mandavo un messaggio, prima di cenare, prima di fare la passeggiata serale, e poi ci scambiavamo due messaggi, solo per dirle che più tardi l’avrei chiamata, non potevo chiamarla mentre passeggiavo perché avevo la batteria scarica… tornavo a casa e poi la chiamavo, solo per trovare una voce distante, fredda, bassa, che Marina mi sembrava un uomo mentre parlava, e già sembrava comandarmi, con quel suo ci vediamo alle due e mezza, o anche sul suo dobbiamo parlare in russo, e mi diceva solo che Manet non l’aveva studiato a scuola, ma che comunque le piaceva… e che strano era la sera, mi veniva subito da ridere con questo fatto che Marina mi imponesse il russo, e sarei corso da Manuela a raccontarle questa storia, su questa russa che mi impone la sua lingua, e per reazione andavo al bar a comprarmi le sigarette e a bermi un caffè… continuavo a ridere con l’anima per questa imposizione e tornavo a casa solo per ubriacarmi di canzoni pop, quelle nuove, le ultime che ho scaricato… e così passava la serata, fino a  quando non mi veniva voglia di provare ad andare da quelle, la sera, magari per beccare Anna… e che strano che era, girare per un’oretta o forse di più tra quelle, e quasi non provare più il desiderio erotico, né per Anna, per Leida, per Alina che c’era quella sera, strano, proprio strano, mi dicevo, che non avevo più voglia, e non perché c’era la polizia locale da Leida, non perché sapevo che Alina ormai ha il suo giro la notte, con i clienti sul cellulare, non perché Anna me l’ero fatta l’ultima volta, non perché quell’altra figa alla fine saliva con un altro, non perché dalle macchine una ragazzina se ne usciva dal finestrino, con i suoi amici e gridava: “Che figa! Mi porti in giro?!!”, così, per ridere e scherzare con i suoi amici, non perché il pomeriggio tardi vedevo Eros e un’altra abbracciati in macchina, senza dire niente, come due bambini che si sono trovati, e che non nutrono quasi più desiderio sessuale, no, era davvero strano, davvero strano, vedere così tante tipe e non provare quasi più il desiderio sessuale, e mi cominciavo a preoccupare, sono innamorato? Sono diventato frocio? Sono diventato impotente? Dovrei smetterla con queste sigarette! O forse ho solo smesso di essere un maniaco? E mi ricordavo di tutte quelle foto soft porn su VK, e i discorsi degli amici, uno più maniaco dell’altro, e non avevo più riferimenti, forse solo Dio, che dice di non farlo fino al matrimonio, la gente che sceglie la castità, la mia condizione psicologica, estremamente tesa, perché domani dovrò parlare in russo, ed è peggio che ad un esame di lingua russa e storia dell’arte messi assieme, un esame della vita, e non so più neanch’io come regolarmi, che alla fine della serata non mi importava più niente, né di Alina, né di Manuela, né di nessuna, ma ero tutto concentrato sul vedere Marina, sul sentire la sua voce, sullo sperare che lei mi dia amore ed erotismo assieme, che mi faccia risvegliare, e mi tranquillizzavo solo pensando all’altra sera, quando, dopo aver parlato con Manuela, la notte, nel sogno, desideravo una scopata senza fine, di passione, anche se nel sogno c’era Leida… e che strano davvero, questa specie di cosa platonica, senza desiderio sessuale, che sembra essere scomparso, eppure non mi sento né depresso, né teso, né niente, neanche emozionato, e mi sembra di andare domani come ad un colloquio di lavoro, dove so già che non mi prenderanno, una specie di lavoro, una specie di prova generale di qualcosa che non sarà, e non lo so più neanch’io da che parte prendermi, forse dovrei solo provare a capire che con l’amore non si scherza, che fa degli scherzi strani, e che se tutte le religioni dicono che prima del matrimonio non bisogna farlo, se con quelle è meglio non andare, un motivo ci sarà… e mi tranquillizzo solo pensando che alla fine mi sento bene, pieno di gioia, da ridere e scherzare, e non mi sento male anche se non ho più il desiderio erotico, e che forse è davvero arrivato il giorno, quel giorno strano, dove di colpo smetti di essere un maniaco e un puttaniere, e non sai neanche perché… fumerei in continuazione, mi metterei a leggere infinite pagine in tedesco, o meglio in russo, solo per preparare la lingua di domani, eppure non mi va, non mi va di sforzarmi più di tanto e di voler fare tutte le cose alla perfezione, sto già forse morendo di tensione, una tensione strana, che si appaga con la visione della bellezza di Marina, che non so più cosa sia lei per me, chi sia, cosa ci diremo, se ci diremo qualcosa, e forse mi va solo di pensarla come una ragazza di università, per le quali non ho mai provato niente di erotico, alla fine, e mi sembra solo strano essere passato da quella via ieri notte e non aver cercato di riesumare il desiderio erotico, che non c’era, e poi mi dicevo che se in fondo molti non vanno, molti passano e non si fermano, un motivo ci sarà, forse è normale così, e prima era tutto anormale, mentre ora mi sta passando quella mania, come anche quando aggiungevo tutti quei contatti soft porn su VK, e non lo so più neanch’io, che per stare bene ed essere sicuro dovrei pensare come se adesso stessi parlando con Manuela, in italiano, una ragazza con cui parlare e dove non c’è il desiderio, dove non c’è più il desiderio, così, tra amici, conoscenti, e forse è solo normale così, e prima morivo di passione, senza saperlo, per Leida, Alina, Anna e Isabela e le altre, che ora mi sembra davvero strano uscire con Marina, e non lo so neanch’io, forse il desiderio erotico ritornerà, forse no, non lo so, non pensiamoci, anche alle figure con Manuela, e alla bella figura l’ultima volta, quando siamo riusciti a parlarci, a quel desiderio che invece c’era, per lei, la notte, un desiderio intenso, e Marina mi sta facendo davvero uno scherzo strano, uno scherzo senza desiderio, per una ragazza acqua e sapone, che non ci capisco più nemmeno io, e non lo so, meglio non pensarci, meglio pensare a lei, alle cose da dire domani alla mostra, alla sensazione di tranquillità e pace e serenità che sento, a questa strana gioia, a questo amore disinteressato, che mi sembra di uscire con una mia nipote, ed è strano l’amore, quando non desideri, e che strani scherzi mi sta facendo questa cosa per Marina…

Descrizioni, Ricordi, Riflessioni, Sogni

E sto solo imparando a cambiare i pensieri…

E mi mettevo ad ascoltare Radio Montecarlo Italia, senza passare da Manuela, ne avevo già parlato con Saverio la mattina, e quel mini discorso dove non riuscivo e non volevo spiegarmi mi serviva già da lezione, era meglio non tornare da Manuela… pioveva, e non avevo voglia di fare neanche la camminata serale, ero stato tutto il giorno a leggere in italiano quel libro sull’Iran e la sera mi ero perso con il tablet sui quadri di Manet e altri artisti, articoli di wikipedia in inglese e russo, per prepararmi magari qualcosa da dire domenica alla mostra con Marina… avrei voluto anche scriverle qualcosa, ma proprio non mi veniva niente, e così passavo la nottata ascoltando musica italiana… serviva un po’ per capire di più l’innamoramento, con quei testi a volte stupidi, a volte no, come quello di Nek e Dj Ax, “Freud diceva che l’amore è solo una psicosi”, o altri ancora, “E’ soltanto amore”, e le parole stupide di quella canzone di Gianluca Grignani, che neanche ricordo, e così la sera mi rilassavo e mi addormentavo e anche la mini psicosi per Manuela spariva, poco alla volta, ricordando anche l’ultimo discorsetto tra di noi, lei, convivente e fidanzata, nessun modo per conoscerla meglio, per fortuna, su contatti Facebook o altro, lasciarci così, in pace, in simpatia, come due persone adulte, finalmente, che hanno capito che su queste cose si può anche scherzare, ed è meglio non insistere, ed è meglio saperle le cose e chiarirle… che mi venivano in mente quei malati dei miei amici, uno con le ucraine, l’altro con una tipa su Facebook, l’altro con Tinder, che mi viene da dire che la gente ancora non è cresciuta, ma per fortuna poi incontri Manuela e ti accorgi che altri sono cresciuti, convivono, amano, sono fidanzati, e mi sembrava di essere rimasto indietro nel tempo, ai miei vent’anni, ai nostri vent’anni, quando ancora si sogna solo di innamoramenti e storielle così, di sesso e fantasia, mentre ancora nessuno dei miei amici sembra davvero aver messo la testa a posto… sì, mi sembrava di essere ancora ai miei vent’anni, anche forse perché Marina ne ha appunto, 20, 24, non so quanti, e forse sogna ancora chissà che cosa, mentre mi veniva in mente la canzone di Gigi D’Alessio, “Sapevamo che finiva tutto lì, due giorni al massimo…”, che davvero non me la sento più di tanto di insistere con Marina, di forzare le cose, di credere in chissà quale amore perché, nonostante Manuela, porto ancora le ferite delle altre, Alina, la follia con Leida che si mischiava con la bellezza di Manuela, e non so più neanch’io che cosa… ieri poi, alla fine, neanche lavoravo, e il tempo per sognare era anche troppo, un’altra volta, tra quelle canzoni, quei libri e quei quadri da leggere e interpretare, che però ho trovato qualcosa di nuovo a cui dedicarmi, leggere le descrizioni dei quadri, in chissà quale lingua, che aiutano di più ad addomesticare la fantasia e i sogni, a sentire parole nuove in lingua, invece delle solite notizie che dicono sempre le stesse cose, e più avanti, magari, mi perderò ancora in quadri senza fine… e se ieri notte sognavo Leida che si disperdeva con Manuela, in un sogno erotico e carico di emozioni, stamattina, invece, sognavo mia madre e sua sorella, come se io ero un ragazzino, mia madre che ci lasciava, perché aveva una delle sue solite crisi, e se ne andava via, e sua sorella non cercava neanche di farla tornare in sé, e io, mio padre e mia zia la maledicevamo, mentre lei se ne andava via con la sua macchina, ed era un sogno che sembrava uscito dalla mia infanzia, con quelle crisi periodiche che aveva mia madre, una volta all’anno, o una volta ogni due… le psicosi, la follia, che solo ora mi rendo conto di quanto, in fondo, potevano avermi influenzato quelle crisi, che chissà quando avevo cominciato ad odiare, non mi ricordo neanche più… e come è strano pensare ora in italiano e non rivolgersi più mentalmente solo a Saverio o a Maria Teresa, ma forse anche a Manuela ogni tanto, alla quale avrei voluto raccontare la mia vita, tutto di me stesso, e sapere tutto di lei, mentre in fondo “va bene così”, come le dicevo e come ci dicevamo, e quel sogno rimane lì così, forse pronto a riaprirsi, senza la voglia però di vederlo riaperto, per un po’ sarà meglio lasciarla perdere, cercare di capire un po’ meglio, lasciar raffreddare le acque, sia per prepararmi all’uscita di domenica con Marina, sia alla visita il 9 con Saverio, sia anche per me stesso, alla fine, per cercare di attendere e aspettare che la mente torni a posto da sola, senza star lì a inventarsi troppe storie pseudo-freudiane… e non mi va di capire, di spremermi le meningi, di raccontare in modo razionale a chissà chi tutto quello che mi è successo in fondo nell’ultimo mese, le cose si sistemeranno da sé, non pensando e riflettendo, ma vivendo, uscendo di qua e di là, senza essere più ossessionati da quel 2008 con Amalia, Katia e Julia che Marina e Manuela, e forse anche Leida, mi hanno portato via, che quel 2008 era solo forse un modo per dire “innamoramento”, o forse “psicosi”, ora che le cose sono cambiate, il tempo è ripartito, e tutto convive in me, senza più salti e scansioni temporali, e tutto è alla fine una funzione psichica, dai contenuti che possono variare, a seconda dei casi, ed è difficile davvero descrivere questo nuovo assetto dell’anima… e poi, sì, basta pensarci, meglio non pensarci troppo, e non so neanche se oggi invece lavorerò, se la smetterò di fumarmi così tante sigarette, se mi perderò ancora nei libri, se imparerò a pensare in maniera diversa, “Devi cambiare i pensieri”, mi diceva Leida, e forse è davvero così, sto solo imparando a cambiare i pensieri…

Descrizioni, Riflessioni

E posso salutare anche questo fine settimana…

“Ah, Manuela, scusa per l’altra sera, eh?” “Quale altra sera?” “Non mi ricordo, sarà stata settimana scorsa, ero andato un po’ fuori” “Perché cosa è successo?” “Ma no niente, sguardi, gesti, sceneggiate con le guardie” “Non ti preoccupare”, diceva lei con un gesto quasi schifato alla fine, mentre altri clienti passavano di lì, e Herzl dall’altra cassa guardava con occhio di approvazione, e anche la guardia davanti la quale passavo, con la mia bottiglietta d’acqua naturale… e così risolvevo tutto in cinque minuti, senza star lì a inventarmi storie e cose da dire che, come ogni sera quando passo di lì, svaniscono come niente, per la giusta emozione che provo a passare lì davanti… e così tutto si risolve in niente, che anche le mie psicosi da innamorato finiscono così, svanite con le sue semplici parole che sanno evitare le cose, e conoscono forse bene le follie di noi uomini un po’ pazzerelli per le ragazze… che alla fine mi sento bene così, mi sono scusato, ero in me stesso, e voglio tornare ad essere in me stesso, che capivo, mentre mi dirigevo al Carrefour che tutto era dovuto ad un’esplosione di emozioni dovute alla decisione di lasciare Leida, al ricordo di Amalia che mi tormentava nel volto di Manuela, alla grigliata con i miei parenti, ai messaggi con Marina, e doveva tutto esplodere così, dentro di me, che alla fine è stato anche un bene perché tutto questo mi ha insegnato qualcosa, mi ha ripulito di vecchie psicosi, e ora arriva finalmente la fase di normalizzazione… sì, perché in fondo basta pensare come se fossi sempre lì in compagnia con gli altri, davanti agli altri, e non chiuso in me stesso con i miei pensieri, le mie emozioni e tutto il resto, che oggi ritornavano di nuovo,  nel pomeriggio, nella loro stranezza, da quel like di Eugenia sulla lingua madre che frega, ai ricordi degli avventisti, ad andare al bar dei mille e rivedere Miryam che faceva strani inchini con il capo, come in preghiera o in saluto giapponese, che dovevano solo risvegliare le mie ossessioni di sesso orale, che si scatenava poi su Miryam nella fantasia una volta a casa, e anche su Eugenia, togliendo tutta quell’aura di falsa religiosità avventista e bahaì, e solo la sera, dopo una camminata, potevo anche togliermi i miei attacchi di depressione che seguivano, e ritrovare solo me stesso la sera, quando andavo lì al Carrefour, senza sapere che alla fine mi sarei dovuto soltanto scusare, per far tornare tutte le cose a posto… e ora rimarrebbe solo da capire cosa fare con Marina, che non mi va più neanche di sentire, di chiederle perché non ha risposto, se ci ha ripensato, se e che cosa, e percome e perché, che non me la sento neanche di chiederle niente, talmente oggi la lingua russa si intrometteva nei miei pensieri, tra il ricordo depressivo di Alina e voci varie, ricordi di Katia e altre, che alla fine il mio far esplodere le mie psicosi la sera, andando da quelle, l’ho pagato questa volta con Manuela, ed il bello è che si è risolto tutto, con delle semplici scuse ufficiali, e un suo semplice non ti preoccupare… che non so che farmene di questa sera, non mi va di tornare da quelle, non mi va di spendere, non mi va di pensare troppo o ascoltare troppa musica… potrei semplicemente leggere qualcosa, senza avere paura di altre lingue, altre notizie, dopo le poche che leggevo questo pomeriggio, e potrei passare la serata così, meglio solo che malaccompagnato da discorsi maniacali con Costanzo, Fisichella e Barresi, che devo proprio abituarmi alla normalità, alla fine di certe manie, e meno male che Manuela mi ha insegnato qualcosa, e anche le guardie e Herzl e, se vogliamo, anche Miryam quest’oggi, insieme forse alle paure di Marina e anche alla mia controvoglia di vederla, che proprio non c’è… e ora che scrivo a Marina me ne accorgo, dei semplici, perché non rispondi? Ci hai ripensato? Che con le tipe bisogna andare cauti, come diceva anche Ferraro, con le tipe bisogna provarci almeno tre volte, e mi ricordo ai tempi di Elena che era così, ed era stato anche così con Eugenia, ci vuole tempo per conquistare fiducia nelle ragazze, e questo mio esplodere di psicosi con Manuela è stato d’esempio, che ora capisco perché si prendono tanto in giro quelli che vanno a troie, perché in fondo non c’è tutto il gioco del tira e molla, delle proposte e controproposte, dell’emozione e contro-emozione, mentre invece a pagamento è tutto e subito, che mi viene fortemente da dubitare quando Fizi dice che lui esce e spacca tutto in una volta, e se Barresi è sempre più scemo è anche perché si beve forse tutte le cazzate che Fizi gli spara… ma quel “non ti preoccupare” di Manuela è il regalo forse più bello, e posso essere sereno per questa sera, che mi sono comportato da gentiluomo, e lei da gentildonna, e non c’è niente di meglio che questo… e adesso posso anche leggermi qualcosa in tedesco, così per non mandare in pappa il cervello, per ritrovare quella razionalità che non so perché si era perduta, e posso salutare anche questo fine settimana…

Descrizioni, Riflessioni, Visioni

Lapidare quel demonio che troppo caos ha fatto in questi lunghi anni…

Ah, e meno male che ci sono le ragazze da sentire su Facebook, alcune vecchie compagne di scuola, con le quali alla fine mi trovavo bene, se non mi impuntavo ad avere di più, a possedere, come ieri mi accorgevo di tutti quei sentimenti negativi ed emozionati per Manuela, che forse non era che un concentrato di negatività per tutte quelle ragazze che avevo posseduto in questi anni, da Xhuliana, Alina e Leida, quando mi inventavo il motivo che solo l’amore erotico con le ragazze potesse salvare… non era così, me ne accorgevo, e come un musulmano che si dirigerebbe alla Mecca decidevo di lapidare il diavolo, come si usa là su quella montagna, e tornava il sorriso, l’apertura agli altri, la non paura di Manuela, che sa la rivedrò cercherò solo di trattarla così come tratterei le compagne di università, come delle sorelle, e niente di più, in maniera disinteressata, libera, come una pagina bianca dove le parole scaturiscono da sé, dallo spirito, che non ho più da temerla e da temere gli sguardi di quelli del Carrefour, tra guardie e tutto il resto, l’importante era riuscire a liberare l’anima da troppi condizionamenti, da troppi desideri di possesso, come per quella Leida che me ne ha fatte passare di tutte, che non mi va più di rivedere… e ieri alla fine non lavoravo, Marco e mio padre uscivano per fare assistenze, e rimanevo un po’ in casa, un po’ in biblioteca, leggendo quel libro sull’Isis, che mi ispira a non estremizzarmi nelle religioni, ora che ho ritrovato lo spirito puro, e leggevo anche quel romanzo di Buzzati, “Un amore”, che parlava di quell’uomo che riesce a farlo solo con le prostitute, e in quelle pagine mi sembrava di vedere parte di me, e nel mio estremismo religioso a volte, e nel mio estremismo erotico, che sono delle parti della mia anima che a volte convivevano, mentre ora mi sembra di essere arrivato ad un nuovo punto… sì, perché Manuela rappresentava l’inferno e il paradiso allo stesso tempo, nell’immagine che io mi ero fatto di lei, ma capivo che quell’immagine non poteva essere lei, ma era soltanto qualcosa dentro la mia anima, un desiderio di purezza, di amore, di voglia di parlarle, come avrei fatto magari in università con altre ragazze, se solo ci fosse lo spazio, il tempo e i modi, ma quel suo sguardo, sempre arrabbiato, quel suo modo di fare che a volte sembra sprizzare odio non mi aiuta a desiderarla, a volerle dire qualcosa, e in lei c’era e c’è davvero qualcosa di negativo, che mi comunica, qualcosa che non riesco a vincere, se non tramite la spiritualità e il pensiero di abbandonare troppe brame di possesso… e me ne accorgevo ancora una volta, che l’egoismo e i pensieri che ruotano troppo attorno a sé, all’io, fanno male, come quelle parole che interpretavo in maniera sbagliata, quel dilaniarmi le meningi sulla mia personalità, sul mio io, quel mio raccontare sempre di me stesso, che Maria Teresa e Saverio mi facevano male, con il loro terzo grado, e troppo forte era diventata l’accento su di me, sulla mia psiche, su me stesso, che potevo solo liberarmi andando verso gli altri, o le altre, quelle compagne di università che risentivo su Facebook… ed era un piacere ed una benedizione risentirle ancora, Elena che andrà in Russia per staccare dalla tesi, lei che andrà anche alla festa del 25 aprile, a festeggiare la liberazione, e in questo suo festeggiare mi accorgevo di quanto sono lontano da questa religione laica tutta italiana, quella della liberazione, che fa della storia un momento quasi di salvezza, e mi accorgevo invece delle altre dottrine religiose, sulla fine dei tempi, la battaglia finale tra bene e male, racconto che si può adattare a schema di ogni altra narrazione storica, la vittoria sul male, sul nazifascismo, ma quella storia religiosa può essere davvero schema di mille altre storie, che alla fine hanno una valenza spirituale, psicologica, la vittoria dell’egoismo, del male, che sfocia alla fine in attenzione verso gli altri, liberandosi del male dell’attaccamento, di emozioni negative, di ogni male del mondo… e mi accorgevo che quello sguardo d’odio che avevo lanciato a Manuela altro non era che assorbire quello sguardo d’odio che mi aveva lanciato Dusio a lavoro, e quelle emozioni negative erano solo da vincere, non da ripetere, ma per questo ho già chiesto perdono, e a Dio e anche a Manuela, per quello sguardo che pensavo fosse passione, mentre invece era solo odio… e così la prendo con filosofia, questo lavoro, questo essermi liberato di troppe lingue straniere, a lungo credute come ponti per chissà quali spiritualità, mentre nascondevano solo tutto il nero dell’anima, come quella lingua russa e quel mio affondarmi per Alina, quel mio desiderio erotico, quel mio desiderio che si autocompiaceva nelle nuove lingue, mentre se nel medioevo si diceva che il diavolo sa le lingue un motivo anche ci sarà, che ora leggerle o parlarle mi sembra strano, fuorviante, che quasi non mi va davvero più di leggerle o studiarle, per non sentire il male in me, anche se ricordo che anche lo spirito santo parlava in lingue, e forse ancora una via d’uscita c’è… ma per ora mi trovo bene ad aspettare il lavoro qui, senza bisogno di lingue, lavori semplici, senza grande sforzo intellettuale, e la cosa migliore che è sul lavoro è la possibilità di relazionarsi con Marco, mio padre, i suoi colleghi, vedere gli altri delle officine, e non provare sensazioni negative, ma rivolgersi agli altri, senza perdermi in desideri di autorealizzazione, di orgoglio di studi e tutto il resto, ma vivendo molto più semplicemente alla giornata… e così venivo a sapere di Elena e dei suoi progetti, anche lei che parlava del nulla dopo la fine della laurea e lo stress, e quel nulla lo conosco bene, le dicevo, anche se chissà in quale maniera più amplificata l’avevo sentito io, in quei mesi terribili, ma mi faceva già piacere che Elena cercasse un viaggio in Russia, dai suoi amici, per staccare, e solo più avanti, più rilassata, cercherà qualcos’altro fuori… sentivo anche Marta, anche lei che dice che dovrebbe pensare a qualcosa da fare, anche se pure lei i suoi paletti ce li ha, la cameriera, l’insegnante, che lei sicuramente starà bene e non sentirà il nulla come altri lo sentivano, e anche lei chissà cosa risponderà di nuovo, ora che mi accorgevo che lei la desideravo quasi come desideravo Manuela e le altre, mentre ora è solo una ragazza tra tante… sentivo anche Alice, che sta ancora lavorando in quella scuola di inglese, e le chiedevo solo se si fosse dimenticata della Russia, scherzando, e la Russia in quel messaggio poteva anche essere un segno d’amore, di ricerca d’amore, come nel suo libro preferito, Maestro e Margherita, ma con l’amore, come ho imparato, bisogna essere molto delicati… e poi sentivo Filedelfja che si trovava in Albania, e in quell’istante capivo tutta la mia mania passata per quel paese, quella fissa, nata chissà da dove, che non mi va più di capirla, mi va solo di dimenticarla, e con lei si parlava del suo tentativo fallito di andarsene in Qatar con una borsa di studio, si parlava dei nostri coetanei che hanno già figli e sono sposati, e si terminavano i messaggi con lei che si prendeva cura di sua nipote, e ci si salutava così, scherzando e sorridendo, e anche se lei è una ragazza davvero poco bella era sempre un piacere disinteressato parlare con lei… e poi Eugenia, che non smette mai di stupirmi, lei che ora si trova in Malesia e vuole fare la missionaria, cosa le potevo dire? Le auguravo solo di stare bene, anche lontana da tutti, e le chiedevo solo se c’era qualcuno che “camminasse con lei”, e le auguravo solo di trovarsi bene, mentre pensavo che in fondo anche lei qualcosa mi aveva insegnato della religione, a modo suo… e così mi ritrovo qui, in questa mattina, dove penso solo se uscirò per lavorare o se starò qui ad aspettare quel corriere che deve arrivare, se farò vacanza fino al 25 con i miei libri preferiti, con questa nuova pace ritrovata, e mi accorgo di stare meglio in questa stanza senza tutti quegli oggetti attorno a me che mi mandavano in tilt, e sono anche contento di aver ritrovato la fede, di aver ritrovato l’altruismo, l’interesse per gli altri e le altre, di aver ritrovato lo spirito che si rivolge a quelle ragazze di università, e solo ora mi rendo conto che mi sbagliavo proprio quando desideravo di cancellare gli anni di università così, e tutte quelle relazioni, che invece mi tengono ancora collegato al mondo, all’interesse per gli altri e le altre, quel giusto atteggiamento dell’anima che mi fa dimenticare di me stesso, e che davvero è un ponte verso la pace… e così mi sento bene, senza più pensieri strani, intrichi dell’anima, desideri, riflessioni su me stesso, pensieri negativi, che adesso che mia madre mi dice invece di andare al Carrefour sento di nuovo, per un attimo, tutto l’odio, i soldi, la cassa, i cassieri e le cassiere, quel giro infernale che devo fare ogni giorno, e che pensavo di imparadisare cercando Manuela, mentre ora che compare il suo nome in me mi sento di pensarla come l’avevo pensata per mesi, se Dio vuole lei sarà, altrimenti anche no, e non mi devo far prendere di nuovo dal male, dal male che è sempre lì, ma da cui mi voglio liberare, e sono stufo di questo dover fare la spesa ogni giorno, sono davvero stufo, ma anche questo fa parte della vita, non può essere sempre tutto pacifico e bianco e candido come la luce, ci sono anche le incombenze, il lavoro, le commissioni, il resto della vita, ma non mi va di pensarci, rischierei solo di perdermi di nuovo, e devo solo stare attento a non perdermi in me stesso, nei miei desideri egoistici, e ricordarmi sempre degli altri… e anche di Manuela, alla fine mi è passata, come le dicevo, mi è passata anche con le sue parole, e non devo aver paura di tornare là, devo vincere questa paura, questo timore, questo viaggio assurdo dell’anima, che alla fine si riposa solo nel pensiero di un pellegrinaggio, nell’attenzione agli altri, nel lapidare quel demonio che troppo caos ha fatto in questi lunghi anni…

Descrizioni, Prosa Poetica, Visioni

E so solo che ogni tanto devo fare i conti con i fantasmi…

E così anche le ultime compagne si sono laureate quest’oggi, bastava vedere le loro foto su Facebook, anche la foto di Elena che mi aveva anche invitato, ma ho preferito non andare, chissà poi per quale motivo… e mi stavo rincoglionendo un’altra volta in questa stanza questa mattina, già quando mi perdevo nella solita musica albanese, che dopo un po’ ti stordisce e ti fa delirare, come quella canzone su Manuela, che desideravo come una vera e propria psicosi, come ai tempi di Katia, quasi… e mi addormentavo dopo pranzo, dopo aver fatto il solito giro mattutino al supermercato, all’altro centro commerciale, e mi svegliavo solo per bermi un caffè e fumarmi una sigaretta, e per mettermi davanti a delle poesie di Goethe che cercavo di leggere ad alta voce, cercando di evocare chissà quali spiriti in tedesco… e non andava, me lo sentivo che c’era qualcosa che non andava, il troppo studio, la troppa lettura, dopo tutte le letture di ieri, il sogno strano di voler rivedere Emanuela e di inventarmi discorsi da ripetere con lei, discorsi che non stavano né in cielo né in terra, un rapporto fantasmatico, un’ossessione, non un amore, una follia… e il primo pomeriggio c’erano un po’ tutti invece, qua giù, dopo l’ora di pranzo, Rizzi, la Mantovani, Marco, mio padre, che c’era già da scaricare un macchinario, e per fortuna cominciavo a lavorare un po’… che stordimento, stupide poesie tedesche dedicate a chissà chi, che cominciavo a lavorare e mi sentivo proprio un rincoglionito, e anche quando Rizzi mi chiedeva come stavo dovevo dire la verità, così, così, gli dicevo, e lui cercava di rassicurarmi dicendomi che tra poco sarebbe stata Pasqua, che era ora di mangiare il capretto, era ora dell’agnello, e poi si lavorava e si faceva quello che si doveva fare, lì in officina, solo per partire un’oretta dopo nelle varie altre officine, e lì in quella cabina del furgone dovevo solo fare una fatica immensa ad accordare la mente, dopo tutto quello studio che mi mandava a male, e mi veniva da chiedermi se forse l’età per studiare ormai è passata, che studiare da solo, senza professori e professoresse che ti diano un riscontro, che ti dicano bravo, così va bene, senza che tu ti possa confrontare con gli altri non sai mai se stai facendo bene o male, troppo o troppo poco, se ti stai perdendo, e forse su una cosa Maria Teresa aveva ragione, che sono tutte attività in solitaria, e solo oggi dovevo rendermi conto che se non ci sono persone attorno a te, con cui condividere momenti, con cui distrarti, si rischia davvero l’alienazione… e dovevo rodare ancora nel primo pomeriggio, e cominciavo a rodare solo quando sulla strada vedevo una di quelle puttane diurne, che ci sono là, passando verso quelle strade, e già il viaggio rilassava, così come quando si arrivava in officina, nonostante tutti quei giovanissimi infoiati che continuavano a fare battute a sfondo sessuale, con i loro gesti, con i loro attrezzi, e mi veniva solo da sorridere in quei momenti, mentre sentivo sempre di più il desiderio intenso di una sigaretta, per rendermi conto soltanto della mia dipendenza da nicotina, neanche fossi davvero un tossicomane, e ci voleva qualche minuto prima che mi riprendessi, che capissi cosa stava succedendo, e solo dopo un po’, lavorando, cercando di capire i vari difetti dei macchinari, le varie problematiche, riuscivo a riacquistare il senno… e la valanga di tranquillità doveva arrivare solo in autostrada al ritorno, quando incolonnati come delle sardine in quel traffico a coda, doveva solo venirmi in mente l’immagine del sultano d’Arabia, lui e la sua immaginata pacatezza, il suo distacco, un’ondata di luce bianca, come quella dei profeti, e cercavo di ristabilire il mio umore, non pensando più a scrivere, a leggere, a studiare, ma soltanto a godermi il caldo primaverile, e attendere con pazienza che la strada si liberasse, mentre Marco continuava a preoccuparsi di non arrivare in tempo alla prossima officina, mentre io già sentivo che, anche se all’ultimo minuto, saremmo comunque arrivati… e così si faceva la strada, la strada ancora, mentre mi rilassavo, solo per fare quella consegna in quell’officina, senza che gli operai calabresi mi spaventassero più, loro, tutti giovani, della mia età, senza strani discorsi pornografici o altre cavolate come gli altri giovani, un sorriso tranquillo in volto, loro e le loro uscite serali che stavano per arrivare, due o tre frasi buttate qui e là, sulla sessualità, battute varie, scherzi, che davvero la vita bisogna imparare a non prenderla troppo sul serio… e arrivava cos la sera, le ultime operazioni di scarico merci, e la sera potevo già godere di quel cibo tutto particolare e misurato e pesato, per non sforare nella dieta, che già non mi preoccupavo più di quella chiamata che non arriva, di quei prossimi esami del sangue che devo fare, e mi viene da chiedermi veramente dove vada la mia mente certe volte, a pescare assurdi pensieri, che non capisco mai come faccio ad alienarmi così, e a riprendermi solo sul lavoro, anche se certi momenti mi verrebbe quasi da chiamare l’ambulanza e andare al pronto soccorso, per le strade assurde che i miei pensieri prendono…

E arrivava così la sera, che c’avevo ancora da fare la mia passeggiata di rito, per scongiurare il colesterolo, e me ne uscivo di casa dopo cena, solo per farmi venire in mente l’assurda idea di passare da Manuela al Carrefour, sperando di incontrarla, o sperando di togliermela dalla testa una buona volta per tutte, e me ne uscivo con i miei dieci euro in tasca, che tanto dovevo comprare un deodorante, una scusa come tante per fare un salto di sera lì al Carrefour e vedere se c’era o no Manuela… e facevo la stradina lì nei campi, e camminavo a più non posso, solo per entrare lì al Carrefour, dare uno sguardo alle casse, ed accorgermi che lei non c’era, come già mi sentivo, e c’era invece Giulio e un altro vecchio, mentre la guardia controllava tutto… la guardia, quella che di notte c’è sempre, là, soprattutto quando c’è Manuela, che la guardia da sola funzionava, con la sua sola presenza, a schermo di pensieri contro la mini psicosi da Manuela, che poco alla volta quella stupida canzone mi passava dalla testa, e non ci pensavo più, anche quando andavo alla cassa da Giulio e compravo il mio stupido deodorante, e la guardia mi diceva poi che l’uscita non era da quella parte, come è di solito di giorno, ma era dall’altra, e scambiavo uno sguardo con lui e gli dicevo appunto che di solito l’uscita è da quella parte, di giorno, e faceva uno strano gesto, come dire, cosa ci posso fare, e in quell’attimo forse mi accorgevo dei miei stupidi pensieri per Manuela, e mi rendevo conto davvero di quando Rudoni una volta mi diceva che l’innamoramento è come una mini psicosi, e mi accorgevo dei miei pensieri che stavano prendendo chissà quali giri, negli ultimi giorni, nell’ultimo periodo, e cercavo solo di ritornare in me…

E me la camminavo, un po’ stufo della giornata passata così, timoroso di rimettermi davanti al computer, senza sapere cosa farmene più della mia immaginazione per Manuela, delle mie lingue preferite, dei miei studi, che forse portano male, della mia fantasia e delle mie visioni quando, durante il giorno, trovo la pace dell’anima, e mi ritrovavo solo a farmi una doccia con tutta la stanchezza addosso, senza neanche più la voglia di Leida, che sembra avermi portato via tutta l’energia erotica, solo per lasciarmi con visioni e fantasie, con mini psicosi per le ragazze, e trovavo solo il tempo di godermi una sigaretta, di guardare le foto delle compagne laureate, e di cercare di mettermi l’anima in pace per quella Manuela che non ho trovato, e che non so quando rivedrò, e cosa farò e cosa dirò anche quando la rivedrò, visto che lì alla cassa, come sentivo stasera, c’è molta pressione, tra un cliente e l’altro, tra il viavai di gente, che difficilmente capiteranno altri momenti come quelli delle ultime volte, dove volendo c’era qualche margine per parlare, mentre così mi accorgo solo che stavo costruendo tanti castelli in aria, e della sua immagine ne avevo fatta una divinità quasi da meditarci su come un esercizio da yogi o da divinità buddhista… eppure è solo l’innamoramento, l’invaghirsi, tutto qui, invaghirsi come non mai, che non so più se tutto questo sia patologico e se faccia in fondo parte della vita, innamorarsi della giovane cassiera come mi innamoravo di tante altre ragazze di università, o così mi invaghivo, e ancora devo fare i conti con la fantasia, che non so mai come gestire…
E così è già sera, con tutta l’energia del mondo dentro ancora di me, che non so come buttare via, energia psichica e stanchezza fisica, che non so se avrò il coraggio di leggere, non so se avrò ancora il coraggio di ascoltare musica, non so che me ne farò di queste poche ore che mi separano dall’alba di domani, e so solo che ogni tanto devo fare i conti con i fantasmi…