Prosa Poetica, Sogni, Visioni

Nel nulla che avanza…

Non li reggo più, non reggo più neanche i libri, neanche quelli del Dalai Lama che avrei voluto prendere in prestito, a che pro? Cercare la quiete e tutti i suoi modi quando la quiete c’è già? Non c’è bisogno di libri, neanche quelli dell’arte buddhista, dopo questa ondata di Estremo Oriente tra Paolo Sarpi e gli amici cinesi che rivedevo l’altro giorno… è già tanto se riesco a mettermi lì davanti a Final Fantasy e non pensare più a niente, e non mi va di riflettere e pensare ancora, come dicevo ad Alex, ora come ora: “Ho bisogno di dimenticare…”… dimenticare quelle ragazze, i giri dell’anima, le idee assurde su divinità fai da te, e non mi va più di leggere niente, è già tanto se leggevo quel libro leggero sulla Cina contemporanea, i cambiamenti dalla Cina antica, il maoismo, il comunismo, il consumismo, l’occidentalizzazione, libro di cultura alla fine, proprio come quelli leggeri dei tempi di Mediazione in Università… e non mi va di aprire romanzi nobel come Mo Yan o Pamuk, sono stufo, ho il rigetto, come mi dicevano le educatrici, il rigetto… che non mi va più di leggere niente, e se ho preso Vittorio Strada in biblioteca è solo per sfogliare quelle pagine che contengono sempre le stesse cose, come per fare un ripasso delle assurdità sulla Russia che sentivo in università, come per rinfrescare l’incubo, e ridipingerlo di bianco e di indifferenza, l’incubo della Russia… che non mi va neanche di star lì a guardare la televisione internazionale tedesca in inglese, le sue notizie di politica internazionale, le solite cose… ci vorrebbero solo più amici, parlare di più con loro, e il vero me stesso, i veri miei pensieri salterebbero fuori, mentre qui, nei recessi di me stesso, perso nella mia solitudine, si scatena solo l’inferno… e ogni tanto combatto con immagini della mente che vorrebbero ergersi a nuovi idoli da adorare, come aver trovato la pietra filosofale in qualche immagine, in qualche simbolo, mentre poi l’ondata del niente spazza via sempre tutto, e lo so bene, anche dopo l’ennesima ondata di Alina, che per fortuna è già passata… non so cosa farmene delle giornate, e a volte rischierei di diventare schizofrenico tra questo lavoro che c’è e non c’è, tra questi lavoratori che vanno e vengono dall’officina, e non sai quando hanno bisogno e quando no, e non sai neanche come organizzare la giornata… mi passa anche la voglia delle lingue straniere, di mettermi lì a imparare, a che pro? Perché tanto poi nessuno ti chiama, non hai voglia di parlare con nessuno, e non ti va proprio giù di metterti e imparare nuove lingue, senza che nessuno ti sostenga, ti insegni, e non sai più che fartene delle lingue imparate, né per il lavoro, né per la vita… ed è già tanto se non ti butti giù sul letto e dormi il giorno intero, come stamattina facevo, e poi dopo pranzo, solo per svegliarmi con un incubo di un disegno bianco di un leone colorato di azzurro, e lo sfondo marrone color terra, “Il mio ultimo disegno!”, dicevo nel sogno, io quattordicenne, “Il mio ultimo disegno!”, la mia parola finale, poi basta disegni, l’azzurro e il marrone, il cielo e la terra, e non riuscire a svegliarsi da quell’incubo sogno, e avere visioni del Cristo con la corona di spina, ed io che sembravo sul punto di morte in un letto di ospedale, con quella visione, e non riuscivo più a svegliarmi, e gridavo, nell’incubo: “Aiuto! Aiuto!”… mi svegliavo, poco dopo, intorpidito, intirizzito, svarionato dal troppo sonno, con la mente confusa, senza sapere più che fare, e la vita e la giornata e ogni cosa non avevano più obiettivi, non c’era più alcuno scopo, era il nulla totale, un nulla bianco che mi avvolgeva… e ciondolavo di qua e di là, prima di giocare un po’ a Final Fantasy, prima di leggere le prime pagine di quel libro orribile di Mo Yan, attratto com’ero dalla copertina con quei monaci, pensando che fosse un libro illuminante, mentre era il libro più terreno che potesse esistere, lo riportavo subito indietro… era arrivato “Impero e rivoluzione” in biblioteca, non lo leggerò neanche, mi sa, corteggiavo quel libricino del Dalai Lama invece, e lo lasciavo lì, “Nessun oggetto merita desiderio” diceva il Buddha una volta, a che pro leggere qualsiasi libro? Aprirlo? Sfogliare le pagine? Concentrarsi? Lo lasciavo lì, insieme a quell’altro sull’arte buddhista, e rovinavo la giornata con troppe sigarette, con il nulla che avanza e ti stritola il viso, un dio che riapre il suo paradiso nelle porte del nulla che mi avvolge, e non rimane più niente, forse solo la cantilena coranica di un “Audu billahi mina shaytani irrajeem”, lontano da ogni immagine, ogni parola, ogni visione, ogni desiderio, un nulla bianco che mi avvolge… non so neanche perché ieri sera provavo a cercare conforto in quelle canzoni pop di tarda epoca sovietica, i “Laskovij maj”, dalle sonorità anni ’80/’90, quelle sonorità che mi fanno venire in mente sempre delle overdose di eroina, e non mi andava più giù neanche quella musica, né nessuna altra canzone pop, né niente di niente, è il nulla bianco che avanza e mi avvolge, e non rimane più niente, più nessuno, più nessuna, e non ho neanche voglia della camminata serale, che di solito rilassa, e se la farò la farò solo per vizio/abitudine dopo cena, per silenziare ancora di più questo nulla bianco che mi avvolge, e poi non ci sarà più niente, proprio più niente, forse solo il sonno… e non mi va di far niente, sto bene così, in questa inessenza di ogni cosa, in questo rigetto, in questa stanchezza che non vuole più niente, più nessuno, più nessuna, e dormirei e basta, e mi disintossicherei da ogni cosa, e non vorrei proprio più niente, solo quei famosi quattordici giorni di vacanza che sognavo: dormire altrove, non parlare più con nessuno, alzarsi altrove, andare a dormire altrove, nel silenzio di una stanza, nella mia solitudine, lontano da tutti e da tutto e da tutte, nel nulla che avanza…

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s